Prima ha tentato di impiccarlo, poi lo ha accoltellato e infine gli ha dato fuoco. E’ brutale il delitto scoperto oggi a Mondovì, in provincia di Cuneo.

I carabinieri della cittadina cuneese, supportati dal Nucleo operativo di Cuneo guidato dal tenente colonnello Roberto Gonella, hanno stabilito l’esatta dinamica dell’omicidio. Il cadavere semicarbonizzato, che in un primo momento era sembrato appartenere a una ragazza nordafricana a causa delle pessime condizioni, ha attorno al collo una pezzo di cavo da batteria, lo stesso trovato attaccato a un albero.

E’ probabile, quindi, che l’assassino abbia tentato di impiccarlo senza però riuscirci perchè il cavo si è spezzato. A quel punto, secondo gli investigatori, lo avrebbe accoltellato: sono una decina le ferite da arma da taglio che il corpo ha sul petto. Dopo averlo trascinato per qualche metro, come dimostra la scia di sangue trovata sull’asfalto, l’assassino gli ha poi dato fuoco.

Il cadavere presenta bruciature sulle gambe, sulle braccia e sul volto. Ancora senza esito, al momento, il tentativo di identificare la vittima.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padre Pio, ostensione permanente del corpo a San Giovanni per “crisi” pellegrini

prev
Articolo Successivo

Don Gallo e Franca Rame: due facce, una stessa moneta

next