Carife è commissariata. Dopo anni di agonia, con il nuovo cda guidato da Sergio Lenzi chiamato a riparare ai danni della gestione Murolo (l’ex dg imputato per truffa aggravata a Milano nell’ambito del processo sui rapporti tra l’istituto di credito ferrarese e il gruppo milanese dei fratelli Siano), è stato azzerato su ordine del ministero dell’economia e delle finanze.

Il decreto 151 del 27 maggio 2013 uscito da Via XX Settembre ha disposto, su indicazione di Bankitalia, lo scioglimento degli organi di amministrazione e di controllo della Cassa di Risparmio di Ferrara. Le motivazioni vanno ricondotte all’articolo 70 del testo unico bancario richiamato nel provvedimento voluto dopo l’ispezione di Palazzo Koch. Al comma 1, lettere a e b, si parla di gravi irregolarità nell’amministrazione, ovvero gravi violazioni delle disposizioni legislative, amministrative o statutarie che regolano l’attività della banca” e di previsione di “gravi perdite del patrimonio”. A giudicare poi dal richiamo all’articolo 98, gli accertamenti ispettivi di vigilanza potrebbero aver individuato seri problemi nell’ambito di gestione delle società controllate. Ma al momento, dato lo scarno comunicato uscito dalla sede di Corso Giovecca, non è dato sapere altro. Nemmeno gli ex vertici possono rilasciare dichiarazioni, ormai esautorati.

A guidare la Carife sarà ora un’amministrazione straordinaria. Commissario straordinario è stato nominato Bruno Inzitari, avvocato milanese già commissario di società assicurative e gruppi bancari. Fabrizio Daverio, Paola Leone e Cosimo Centrone saranno i componenti del comitato di sorveglianza. “Gli organi straordinari – si legge nella nota dell’istituto – operano sotto la supervisione della Banca d’Italia e adotteranno tutte le misure necessarie a garantire la regolarizzazione dell’attività aziendale e la piena tutela dei diritti dei depositanti e dei creditori sociali. La banca prosegue regolarmente la propria attività e pertanto la clientela può continuare a rivolgersi agli sportelli con la consueta fiducia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Letta contestato a Mirandola: “Più soldi ai terremotati, meno politici in passerella”

next
Articolo Successivo

Vasco Rossi racconta il suo dramma: “L’anno scorso ho pensato al suicidio”

next