Alla fine il risultato è una sinistra spaccata e i partiti che finiscono gambe all’aria. Vince il no al finanziamento pubblico alle scuole (58,8 per cento a favore del quesito A, il 41,2 per cento a favore dell’opzione B secondo i dati parziali), ma il referendum consultivo e non vincolante è stato comunque un mezzo fiasco: hanno votato neanche uno su tre degli aventi diritto, 85.934, pari al 28,71 per cento. Un flop per il Pd, un flop per Bologna. Ma soprattutto un flop per i partiti che non sono riusciti a portare le persone al voto.  

Nonostante non dovessero esprimersi solo il milione di euro, che ogni anno finisce dalle casse comunali a quelle delle scuole materne private. E nemmeno su quei 400 bambini rimasti in attesa di un posto che lo Stato non riesce a garantire. Quello del 26 maggio è stato un referendum sull’identità del centrosinistra, in una città che ormai è rossa sbiadita. E non solo: è stato un indice di gradimento reale sul sindaco, Virginio Merola, che fin dall’inizio ha fatto propria la crociata per difendere il sistema integrato pubblico-privato. Sul sindaco e soprattutto sul Pd, che sul terreno dell’istruzione ha scelto si andare a braccetto col Pdl, la Lega e la Curia, simbolo della Bologna che conta e ha sempre contato. Dentro e fuori dalle chiese.

E se è vero, come ha detto Romano Prodi, che questo voto si poteva evitare, il Pd si è tuffato nella sfida della campagna referendaria con tutte le sue forze. Ha messo in moto la macchina del partito, ha organizzato feste dell’Unità a tema, ha chiesto aiuto alle parrocchie, tutto per convincere i bolognesi a tracciare un simbolo sulla B. Una B. che vuol dire – almeno in parte – anche Berlusconi e le larghe intese che governano il Paese.

Il via vai ai seggi inizia alle 8. Arriva il sindaco, Virginio Merola, puntuale alle 10. Non una parola oltre a quelle di rito: “Auguro buona fortuna a entrambi i fronti, quelli della A e quelli del B. Domani avanti insieme per Bologna”. E poi una processione di famiglie con bambini a seguito, coppie e singoli. Ciascuno con la carta d’identità in mano e la sua certezza in tasca. “Voto A perché la Costituzione parla chiaro: i soldi pubblici vanno alle scuole pubbliche”. “Voto B perché questo sistema mi piace e mio figlio alle paritarie si è trovato benissimo”. Si vedono anche tante tonache di frati e suore, tanto per ricordare che 25 delle 27 scuole d’infanzia convenzionate sono cattoliche. “Se aboliscono i finanziamenti si alzano le rette. Così noi suore invece che occuparci dei poveri, ci occuperemo solo dei ricchi”. 

La partenza però è in salita. Le code sono poche e alcuni seggi deserti. Alle 12 ha votato solo l’8,75% degli aventi diritto al voto, che tradotto significa poco più di 23 mila persone. Nemmeno uno su dieci. Per questo all’ora di pranzo i volti tra i referendari, sparsi per i 200 seggi a vigilare sulle operazioni di voto, sono scuri. Il boccone del panino preso in fretta e furia al bar va di traverso: “Speriamo nel pomeriggio” scuotono la testa. E in effetti dopo le 13 i numeri si alzano, anche se non di molto: oltre il 23% di affluenza alle 19. A guardare il bicchiere mezzo pieno è Romano Prodi, il padre fondatore dell’Ulivo e di quel sistema di convenzioni con le scuole private, oggi sotto accusa. L’ex premier arriva al seggio accompagnato dalla moglie Flavia, poco dopo le 17.30. Al presidente chiede subito i dati sulla affluenza e non si stupisce della risposta: “Non sono elezioni politiche, è un referendum su un argomento particolare, che non tocca tutti. Quelli interessati sono andati a votare e questo è importante”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma blindata, sit-in centri sociali contro il 41 bis: “Ma non è a favore di Provenzano”

next
Articolo Successivo

Comuni Virtuosi, Civati incontra Pizzarotti: “Sull’ambiente il Pd apra a 5 Stelle e Sel”

next