Alberto Menarini si è rivoltato nella tomba, Luigi Lepri non l’ha presa troppo bene. Queste le conseguenze più immediate dell’uscita in libreria del Dizionario Slang – Bologna in parole e numeri del collega del Corriere di Bologna, il senese (“ma dal ’77 a Bologna”) Fernando Pellerano.

Un agile libello edito da Pendragon (11 euro) composto da uno straordinario elenco di termini gergali, derivanti dal dialetto bolognese o più semplicemente da una reinterpretazione felsinea di parole italiane. Dai più conosciuti come rusco, bazza e bona, per arrivare a finezze tutte da riscoprire come bazurlone, tarzanello e delon. Senza dimenticare perle come pirulino, il bagaglio (senza bisogno di andare in stazione), la tomella, e l’accoppiata tirella e sverzura.

Per esempio se qualcuno vi chiedesse se avete portato la “ruola”, cosa pensereste di esservi dimenticati? E ancora se vi dicessero che tal dei tali avesse una gran “buzza”, in che punto guardereste per verificare?

La ricerca di Pellerano è indefessa, curiosa e divertita. Ci sono anche i modi di dire (“allora poi”, “bain bain”) ma anche rimescolamenti da altri dialetti (il balengo), neologismi del terzo millennio (vez, bomber, breso), E vere e proprie azioni inqualificabili già fuori porta Saragozza: come lo slego (modello assolo di strumento musicale) e il temutissimo lopez (colpo proibito tra i due muscoli della coscia).

Non una mera trafila di parole e relativo significato, ma una vera e propria allegoria animata da spiegazioni esilaranti ed esempi che sembrano scenette da bar con personaggini che ricorrono tra una pagina e l’altra: Ugo – quello più tonto di tutti; Marisa – quella più “boldra” e Gino – il più birichino.

Sperando che, per la fretta di arrivare alle ultime pagine, non si finisca a fare uno “scapuzzo”, là dove fioccano numeri e capienze della piazze, lunghezza delle torri e dei percorsi da-a, o addirittura avere uno “scarabaccino” quando si viene a scoprire che a Bologna (con precise piazze, slarghi, vie e prati) ci hanno girato non solo i film di Pupi Avati, ma centinia di altre pelliccole che nemmeno ce ne siamo accorti.

Così se manca l’accezione più pragmatica di “pugnetta” (quella di presina per tegami e padelle dai manici bollenti) il bolognese essenziale per relazionarsi in Piazza Maggiore abbonda, anzi ce n’è “dimondi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum scuola, Merola: “Vendola è vergognoso”. E lui: “Chieda scusa”

next
Articolo Successivo

Ristoranti a Bologna, la trattoria Anna Maria

next