Non è normale che si facciano intercettazioni sul capo dello Stato o, come in passato per Silvio Berlusconi, sul presidente del Consiglio“. Il capogruppo del Pdl Camera, Renato Brunetta, torna sulla battaglia che il partito del Cavaliere sta portando avanti contro le interecettazioni. “Occorre – dice – una riforma del sistema per limitare gli abusi e una nuova regolazione dei poteri dell’ordine giudiziario che non è un potere ma un ordine in quanto la magistratura non è eletta dal popolo. Non è normale che si debba investire la Corte costituzionale per ottenere la distruzione delle intercettazioni”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby in aula: “Noemi la pupilla e io il culo? Era una battuta”

next
Articolo Successivo

Ruby, il fidanzato se la prende con il giornalista: “Pezzo di merda”

next