Continua a ritmo serrato il dialogo tra sindacati e Confindustria. Dal palco del convegno biennale della Piccola Industria di Confindustria a Torino il presidente Giorgio Squinzi si scaglia contro la politica “responsabile di 50 giorni di inerzia totale” cosa “rischiosa e costosa, buttato l’1 per cento del Pil”. Gli fa eco Raffaele Bonanni, segretario generale Cisl: “Dobbiamo mostrarci compatti e uniti nel chiedere la governabilità del paese”. Proprio sul riavvicinamento anche tra i sindacati torna Susanna Camusso (segretario Cgil) che vuole ripartire dalle “cose concrete” sulle quali costruire i rapporti futuri con Confindustria e le altre sigle sindacali. Ieri dallo stesso palco Vincenzo Boccia, il presidente di Piccola Industria, aveva chiesto un “patto di fabbrica” che oggi è stato rilanciato da Squinzi come “patto tra produttori”. Ci vorrà ancora del tempo, ma l’ipotesi di uno sciopero unitario di imprese e lavoratori sta prendendo forma  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritti dei lavoratori: pane e libertà

next
Articolo Successivo

Reddito minimo: lunedì le firme al Parlamento

next