La tecnologia “green” fa risparmiare le aziende agricole italiane. In due anni, dal 2008 al 2010, l’impiego di processi sostenibili ha fatto calare del 40 per cento l’energia utilizzata per unità di prodotto dalle imprese che operano nel settore. E, secondo il rapporto “Agreenculture” realizzato da Fondazione Symbola e Coldiretti, ha ridotto anche di circa 9mila tonnellate i rifiuti e gli scarti di lavorazione.

Risultati così brillanti sono stati possibili grazie alla svolta green sempre più evidente tra le aziende agricole del Paese. Oltre una su due ha infatti dichiarato di avere ridotto tra il 2009 e il 2011 l’utilizzo di energia e acqua, mentre più di un quinto ha tagliato sensibilmente anche l’uso di fitofarmaci e fertilizzanti. Il dossier, alla sua prima edizione, sottolinea inoltre che il miglioramento della performance ambientale è diventato una risorsa strategica anche per la produzione di macchine agricole, un settore dove l’Italia vanta il primato europeo per numero di aziende.

E anche considerando gli investimenti di settore, come avverte il report, l’Italia non conosce rivali in Europa: 226 milioni di euro a fronte dei 174 della Germania, impiegati soprattutto per migliorare i processi produttivi e i prodotti stessi, che hanno permesso di investire con successo nelle tecnologie green. Nulla da stupirsi, quindi, se l’export vola, raggiungendo picchi di 3,8 miliardi di euro e trainando il saldo della bilancia commerciale del settore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, la strada per Palazzo Chigi passa da Susa

prev
Articolo Successivo

Fermare il consumo di suolo ora!

next