Il mercato immobiliare italiano crolla ai livelli del 1985. Nel 2012 le abitazioni comprate o vendute si sono fermate a 444mila unità, come non accadeva da quasi trent’anni. E’ quanto emerge dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, che ha evidenziato quasi un dimezzamento rispetto ai picchi del 2006. Il calo dal 2011 al 2012 è stato del 25,8 per cento. Nel quarto trimestre dell’anno, in particolare, le compravendite immobiliari sono precipitate del 29,6 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La rata mensile media del mutuo è di 700 euro in termini di valore medio massimale, in aumento di circa il 3 per cento nel 2012. Le compravendite di case con mutuo sono crollate l’anno scorso del 38,6 per cento, mentre il capitale erogato si è quasi dimezzato. Per quanto riguarda il capitale proveniente dalle strutture che erogano mutui, in particolare, è stato pari a 19,6 miliardi, che corrisponde a una riduzione di quasi 15 miliardi (-42,8 per cento). Le case acquistate da persone fisiche attraverso un mutuo sono state il 37 per cento del totale, con una riduzione di quasi 8 punti percentuali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

FonSai, Unipol presenta il conto ai Ligresti. Stretta vigilanza a 5 Stelle

prev
Articolo Successivo

Petrolio, l’aumento della produzione negli Stati Uniti porta al declino dell’Opec

next