Pacificazione tra Pd e Pdl, accordo dei democratici con il partito dei Cosentino, degli Arena, degli Scilipoti, cancellare il berlusconismo attraverso l’eliminazione dell’antiberlusconismo. E su tutto: Berlusconi al Quirinale. Lo scrive Libero e questo non è sorprendente. Più sorprendente è che a firmare l’intervento non siano Maurizio Belpietro, Mario Giordano o Filippo Facci, ma Piero Sansonetti. Sansonetti è ricordato da tutti come direttore di Liberazione, quotidiano del Partito della Rifondazione Comunista, per oltre 4 anni. Aveva cominciato all’Unità negli anni Settanta (dov’è stato anche condirettore) e dal 2008 guida Calabria Ora

Cosa scrive, dunque, Sansonetti su Libero? “Se non si trova un modo per fare un governo si torna a votare. Se si torna a votare vince Grillo. Nessuno vuole che vinca Grillo (nemmeno Grillo) e quindi non si torna a votare. Se non si fa in fretta un governo, i mercati travolgono tutti. Non conviene. E poi lo spread, che un anno e mezzo fa ha spinto Monti a Palazzo Chigi, anche stavolta sarà spietato, e siccome ormai tutti abbiamo una paura blu dello spread, dovremo obbedirgli”.

Dove sta la soluzione? “Come si fa a fare una maggioranza che serva a mettere in piedi un governo? C’è una sola via: alleanza tra i due unici partiti solidi di questo Parlamento, e cioè il Pd e il Pdl con eventuali “protesi”. La pacificazione è l’unico modo per uscire dal berlusconismo. Perché per uscire dal berlusconismo (creatura ovviamente di Berlusconi) bisogna anche uscire dall’antiberlusconismo (anche questa è una perversa creatura di Berlusconi). La pacificazione, credetemi, ha un solo nome: Berlusconi al Quirinale. Una soluzione di questo genere salderebbe l’alleanza, garantirebbe i mercati e le potenze straniere, sopirebbe i conflitti nel ceto politico, permetterebbe al Pd di governare con tranquillità il Paese da posizioni moderate e centriste”. La soluzione madre per tutto, insomma, è eleggere il Cavaliere come capo dello Stato. Tutto questo mentre la base del centrosinistra implora i propri rappresentanti di non dare altre opportunità ai berlusconiani.

Il punto di partenza di Sansonetti è che “sul piano dei programmi politici le differenze tra Berlusconi e Bersani” non sono “così grandi”. “Sono due partiti centristi – scrive l’ex direttore di Liberazione – Il Pdl è più populista (e quindi paradossalmente talvolta è meno di destra del Pd), il Pd è più un partito moderato classico, che certamente sul piano delle cose da fare assomiglia più ai repubblicani americani che non a Obama“. Nel senso che il presidente degli Stati Uniti ha proposto “l’aumento del 20% per i salari minimi, ha proposto la sanatoria per 15 milioni di immigrati irregolari, ha proposto i matrimoni gay: il Pd oserebbe mai proporre qualcosa del genere?”.

Quindi bisogna superare due ostacoli, ammette Sansonetti. Il primo: un’alleanza Pd-Pdl comporterebbe un aumento dei voti del Movimento Cinque Stelle. Ma in caso di un’alleanza stabile, che duri 5 anni, si risponde l’ex direttore di Liberazione, il problema Grillo “sarebbe spostato in avanti di cinque anni”. L’altro ostacolo è la “spartizione delle cariche, che pone sia questioni di equilibri simbolici sia di potere”. La soluzione è appunto la pacificazione. “L’unico modo per uscire dal berlusconismo – secondo Sansonetti – Perché per uscire dal berlusconismo (creatura ovviamente di Berlusconi) bisogna anche uscire dall’antiberlusconismo (anche questa è una perversa creatura di Berlusconi). La pacificazione, credetemi, ha un solo nome: Berlusconi al Quirinale”. Conclusione alla quale non era arrivato nessuno, nemmeno il più berlusconiano dei berlusconiani. Vittorio Feltri ridacchiava divertito mesi fa alla sola idea di Berlusconi presidente: “Vi immaginate le escort che vanno al Colle?”.

Ma per Sansonetti è l’unica via anche se alla fine confessa: “Personalmente sono terrorizzato da questa prospettiva, perché sono uno di sinistra: mi piace Obama, mi piace Landini. Sono molto preoccupato, e deluso, per il fatto che le tre destre (Monti, Berlusconi e Bersani) abbiano vinto le elezioni e la quarta destra (GRillo) abbia monopolizzato l’opposizione e che di sinistra in Parlamento non ci sia più traccia alcuna. Ma non è che se uno è deluso può reagire ignorando la realtà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Napolitano annulla l’incontro in Germania con Steinbrueck

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Grillo: “Bersani morto che parla, nessuna fiducia”. Lui: “Me lo dica in Aula”

next