“Grillo? E’ più un coniglio che un grillo, perchè è un atteggiamento allucinante quello di fuggire”. Così Matteo Renzi commenta il dietro-front del leader del Movimento 5 Stelle nella partecipazione televisiva a “Lo Spoglio”, su Cielo. E lo fa proprio negli studi della trasmissione condotta da Ilaria D’Amico. L’esponente del Pd, però, ammette di ammirare il comico genovese. “Io sono un fan di Beppe Grillo, faccio outing” – confessa – “A me lui piace da morire. Andavo ai suoi spettacoli, che prima erano a pagamento a differenza di ora, e ricordo perfettamente alcune delle sue profezie, che però sono cadute nel vuoto in modo impressionante”. E aggiunge: “Nel ’99, ad esempio, chiudeva gli spettacoli distruggendo un computer con un martello, poi nel giro di due anni è diventato uno dei più grandi blogger nel mondo. Casaleggio gli ha fatto cambiare idea e gli ha spiegato cosa era la rete”. Renzi rende tributo ad altri meriti di Grillo. “Mi ha colpito molto lo “Tsunami Tour” di Grillo in termini di presenze strepitose e strabilianti” – afferma – “Chi lo nega è davvero in mala fede. Tanto di cappello a Beppe Grillo per come riempie le piazze. Significa che qualcosa sta succedendo in Italia, perchè lui riesce a interpretare un’esigenza di cambiamento e di protesta che parla alla pancia degli Italiani, ma che non ha una proposta per il futuro”. E precisa: “Ha detto anche delle autentiche castronerie, come quelle sulla mafia e sull’aids. Grillo ha cambiato idea anche sulle multinazionali” – prosegue – “e mi piacerebbe discutere con lui sul modo in cui faceva i suoi spettacoli o lo retribuivano le discoteche”. L’ex rottamatore, infine, contesta i metodi adottati dal capo carismatico dei 5 Stelle: “Grillo rappresenta una grande istanza di democrazia e su tanti temi ha totalmente ragione, lui è un po’ come un orologio rotto che due volte al giorno segna l’ora esatta. Ma il suo metodo non è democratico

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Voglio scuse pubbliche”. Lo sfogo di Angela Bruno, vittima dei doppi sensi di B.

next
Articolo Successivo

Adriano Celentano lancia il nuovo brano sorpresa. “Se non voti ti fai del male”

next