Il tecnico italiano e i due colleghi russi rapiti il 12 dicembre scorso in Siria sono stati liberati: lo ha annunciato il ministero degli Esteri di Mosca, secondo cui il rilascio risale a domenica ed è avvenuto grazie a uno scambio con alcuni militanti prigionieri. Mario Belluomo, originario di Catania, era stato preso in ostaggio a Tartus, secondo porto del Paese dopo Latakia e sede di una base navale russa nel Mediterraneo.

I due ostaggi russi, Viktor Gorelov e Abdessatar Khassun, sarebbero già stati consegnati all’ambasciata russa a Damasco. Mentre da parte italiana al momento non c’è una conferma, anche se l’Unità di crisi della Farnesina sta seguendo minuto per minuto quella che viene definita una fase delicata della vicenda dell’ingegnere italiano Mario Belluomo.

Il tecnico italiano era stato preso in ostaggio da un commando che aveva chiesto un riscatto. Il ministero degli Esteri si continua a mantenere in contatto con i familiari del tecnico italiano e sottolinea che è essenziale, ai fini del buon esito del caso, mantenere massimo riserbo e prudenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

B. e Imu, sfottò su Twitter: “Alle prime telefonate una batteria di pentole”

next
Articolo Successivo

La mitraglietta di Jimmy Fontana: da Acca Larentia alle Brigate Rosse

next