E’ cambiato tutto: il sesso, la pornografia fino a pochi anni fa erano nascosti. Negati. Oggi basta un click sul computer per vedere filmati a luci rosse. Per cercare incontri e trovare escort. La tecnologia negli ultimi mesi sta cambiando il nostro rapporto profondo con il desiderio.

Su Il Fatto del lunedì un viaggio nella rete e nel rapporto degli italiani con il sesso. Cambia il ruolo delle donne che oggi sono il 35 per cento dei navigatori sui siti a luci rosse, un mondo fino a oggi dominato dagli uomini e dai loro gusti. Mentre ci si domanda se questa sia la parità a lungo giustamente invocata, c’è chi sostiene che il porno non tenga conto della sensibilità, del desiderio femminili: dietro la cinepresa si riconosce sempre l’occhio maschile.

Porno facile, porno per tutti. Anche per i bambini e i ragazzi che con un semplice click si trovano davanti immagini un tempo vietate ai minori. Con quali conseguenze? Il Fatto ha ascoltato gli esperti.

Intanto l’industria del porno cade nella rete. I video amatoriali via internet mettono in ginocchio i signori dell’hard. Gli attori rimasti a spasso raccontano il dietro le quinte dei set a luci rosse in crisi.

Ma sul Fatto del lunedì troverete anche:

Vita, morte e miracoli del cabaret

Gino&Michele raccontano in esclusiva la storia del cabaret italiano, dagli anni d’oro alla crisi di oggi. Da Cochi e Renato a…

Il muro del Cairo

Dopo la Primavera araba, nel silenzio generale la megalopoli viene divisa dai muri. Un viaggio del Fatto del Lunedì tra tutti i muri – Berlino, Irlanda del Nord, Israele, Messico – che hanno diviso i popoli ed esasperato gli odi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sigaretta elettronica, la rivolta degli schiavi. In edicola con “Il Fatto del lunedì”

prev
Articolo Successivo

Il Fatto del Lunedì contro l’inquinamento che soffoca l’Italia

next