Hugo Chavez si aggrava dopo la delicata operazione a Cuba per estirpare un tumore lo scorso 11 dicembre. Chavez – annuncia il ministro delle comunicazioni venezuelano Ernesto Villegas – mostra una “insufficienza respiratoria” in seguito ad una “grave infezione polmonare” registrata dopo il nuovo intervento. E Villegas lancia anche un allarme sul tentativo di destabilizzare il paese da parte dei media internazionali proprio per l’aggravarsi della situazione del presidente venezuelano.

“Dopo il delicato intervento dell’11 dicembre – dice Villegas alla radio e alla televisione dal Palazzo Miraflores, a Caracas – il Comandante Chavez ha presentato complicazioni dovute ad una infezione polmonare grave. Questa infezione ha portato a problemi respiratori”. Villegas aggiunge comunque che il governo venezuelano “ribadisce la sua fiducia nel team medico che ha seguito il Comandante-Presidente e agito con assoluto rigore”.

Il ministro coglie l’occasione per mettere in guardia “il popolo venezuelano sulla guerra psicologica che la rete transnazionale dei media sta scatenato sulla salute del presidente con l’obiettivo finale di destabilizzare il Venezuela, ignorando la volontà popolare espressa nelle elezioni presidenziali del 7 ottobre”. Il tentativo – secondo Villegas – è quello di “colpire l’unità del governo” ovvero la stessa “ideologia di Hugo Chavez”. E conclude: “Hasta la victoria siempre, viva Chavez”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi, in Gran Bretagna Vodafone vende cellulari ultima generazione ma usati

next
Articolo Successivo

Spagna, dai safari del re alle truffe del genero: l’annus horribilis dei Borboni

next