rita-levi-montalciniQuando ho ricevuto la notizia delle morte di Rita Levi Montalcini quasi non ci ho creduto, dimostrando una non banale stupidità. Quando una persona arriva a 103 anni il più tipico incidente di percorso è la morte. Noi ci eravamo abituati a considerla quasi immortale, ma sapevamo che la sua morte sarebbe arrivata dal silenzio di un giorno qualunque. Ovviamente lei è stata straordinaria a fregarci tutti morendo di sottecchi al 30 dicembre con gli italiani in vacanza tra un panettone e uno spumantino.

Siamo stati dall’iconografia degli ultimi anni di Rita Levi Montalcini a ricordarcela come una nonna-zia di tutti noi che si presentava con vestiti simil vittoriani modello Maria Montessori.

Se si naviga fra le migliaia di fotografie in rete della professoressa, premio Nobel e senatrice a vita,  trova molte bellissime fotografie di Rita in camice con il suo microscopio.

E così voglio ricordarla. Una donna di scienza al lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ma io difendo lady Veronica

next
Articolo Successivo

Alimenti milionari: Veronica finanzi i centri antiviolenza

next