Pan de pueblo. O meglio pane anticrisi. Lo chiamano così a Quart de Poblet, paesino iberico alle porte di Valencia, dove il forno di Pepe Navarro è preso d’assalto. Il motivo? Qui si vendono baguette a 20 centesimi. E ci sono offerte continue sugli altri prodotti artigianali. Solo due mesi fa, il panificio era sull’orlo della bancarotta a causa della crisi. Adesso conta oltre quattromila clienti al giorno. E le cifre continuano a salire. La scelta folle e disperata del panettiere, che ha deciso di mettersi in gioco fin all’ultimo, ha fatto centro. Anche se quello che lo ha davvero spinto a cambiare radicalmente giro d’affari è stata, ha detto alla stampa spagnola, “la necessità reale del mercato”, perché “qui c’è gente che non arriva a fine mese”.

A Valencia ogni giorno homeless, disoccupati, lavoratori occasionali fanno la fila quasi due ore per comprare l’alimento base a un quarto del prezzo convenzionale. La coda si forma già alle sei del mattino. E l’attesa davanti al forno non è altro che una metafora del bisogno sociale. La maggioranza sono pensionati, condannati a reggere intere famiglie in una Spagna in crisi, corrotta e disperata. Arrivano dalla capitale, ma anche dai paesi della Comunidad Valenciana, e portano via fino a 30 baguette a 20 centesimi l’uno. Non senza ringraziare i dipendenti e mandare un saluto affettuoso al proprietario. Il panificio è al collasso, tanto che Navarro è stato costretto ad ampliare la struttura e assumere nuovo personale per rifornire il negozio fino a otto volte al giorno. Perché a Quart de Poblet si vendono dai 15 ai 20 mila filoni. Dalle 6 del mattino alle 9 di sera. Senza interruzione. Al fornaio valenciano l’affare gli è andato così bene che ha deciso di aprire due nuovi negozi. Uno a Gandia. L’altro a Torrent. Da allora a Valencia è scoppiata la guerra del pane. Molte panetterie, accanto alle solite baguette a 0,75 euro, adesso vendono filoni a 0,20. Ma tutti lamentano che “non ci sono i numeri” e che è impossibile fare un pane low-cost a quel prezzo. O per lo meno non al di sotto di 40 centesimi. Senza contare la concorrenza sleale. Nel settore poi non fanno credito. E accusano il panettiere di vendere in perdita: una pratica illegale, ma difficile da dimostrare.

La preoccupazione è che la guerra del pane finirà col mettere a rischio migliaia di posti di lavoro nei prossimi mesi, soprattutto se trascinerà dentro anche la grande distribuzione. Navarro però sostiene che i suoi numeri quadrano. Che il segreto è fare il pane “con amore”. E che “niente è impossibile”. Così quest’uomo di mezza età, che ha trascorso vent’anni in mezzo ai sacchi di farina, continua a produrre 50 mila baguette al giorno di 190 grammi l’uno. Jéssica Ruiz, responsabile del forno di Quart de Poblet, non ha dubbi: “Non c’è nessuna differenza. Nessun ingrediente in meno. Il peso è un po’ ridotto e il pane un po’ più piccolo”. Ignaro di essere l’epicentro della tempesta, Pepe Navarro pensa già di aumentare la propria capacità produttiva e la forza lavoro, che si aggira a un centinaio di dipendenti. Dal panificio, infatti, fanno sapere che, fin quando ci sarà la crisi economica, le baguette saranno vendute a 20 centesimi. Per sfamare gli spagnoli. Ai clienti bisognosi allora non resta altro che contare gli spicci. Almeno finché l’offerta sarà sul mercato.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kinder Sorpresa banditi in Usa. Ora i bambini sono al sicuro

next
Articolo Successivo

Stati Uniti, tasse: salta il piano “Boehner”. Fiscal cliff sempre più vicino

next