Basta buttare un mozzicone di sigaretta a terra e indossare calze a righe per meritarsi un servizio su Chi. Specie se la protagonista è Ilda Boccassini, pm nel processo Ruby che vede imputato l’ex presidente del Consiglio. Il settimanale del gruppo Mondadori, di proprietà della famiglia Berlusconi, ha dedicato alcune pagine al magistrato antimafia dal titolo “Shopping di classe” in cui immortala la pm mentre “depone con cura un pacchetto in un sacchetto più grande”. E aggiunge: “Come si può notare con altrettanta cura ‘depone’ in terra la bionda lasciata a metà”. 

Oltre al mozzicone lanciato a terra, Chi punta il dito contro l’abbigliamento della Boccassini e in particolare contro “le calze in lana multirighe, 21 euro”, a cui si aggiungono il cappotto e anche la sciarpa “reinterpretazione della smorfia napoletana, in modal e seta, 300 euro”. Un attacco al look che replica la ‘tattica’ usata nei confronti di Raimondo Mesiano, il giudice che ha condannato il gruppo Fininvest a versare alla Cir di Carlo De Benedetti 750 milioni di euro. Oggetto del risarcimento era il lodo sul controllo del pacchetto azionario della Mondadori, che si era concluso nel 1990 a favore del gruppo Fininvest in seguito alle mazzette versate ad alcuni giudici romani. Nel 2009, Canale 5 gli dedicò un servizio in cui il giudice fumava qualche sigaretta, andava dal parrucchiere e si sedeva su una panchina. In più, indossava calzini azzurri con mocassini bianchi. Tutti elementi descritti nel servizio come “stranezze”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marò, ok della Corte indiana al rientro in Italia per feste natalizie

prev
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, la Procura chiede 32 rinvii a giudizio. C’è anche Mauro Moretti

next