Lo aveva anticipato nelle ore immediatamente successive la strage di Newtown, ora ha deciso di rompere gli indugi: Barack Obama appoggerà la proposta della senatrice democratica Diana Feinstein di approvare una nuova legge che vieti la vendita delle armi di assalto, sul modello di quella voluta da Bill Clinton e in vigore dal 1994 al 2004.

“E’ chiaro che non abbiamo fatto abbastanza per affrontare la vergogna di questa violenza”, ha detto il portavoce della Casa Bianca Jay Carney annunciando che Obama intende muoversi “nelle prossime settimane”. Oggi il presidente ha parlato al telefono con il senatore democratico Joe Manchin che, alla luce della strage di Newtown, ha ammorbidito la sua linea pro Nra (la National rifle association, potente lobby delle armi) sulle armi d’assalto: “Il presidente è rincuorato da quel che ha sentito da membri del Congresso che si erano finora opposti alle misure di controllo”, ha detto Carney. In serata l’associazione è intervenuta nuovamente offrendo “significativi contributi per prevenire ulteriori massacri“. 

Tra le armi d’assalto ci sono anche i fucili semi-automatici come il Bushmaster AR-15 usato da Adam Lanza quando venerdì scorso ha massacrato 20 bambini di una scuola elementare in Connecticut e 6 adulti.

E da Denver arriva l’ultima notizia di una sparatoria. Un uomo ha aperto il fuoco in una casa nella periferia della città del Colorado, uccidendo tre persone, prima di suicidarsi. Secondo le prime informazioni rilasciate dal sergente dell’ufficio dello sceriffo di Weld County, Tim Schwartz, le vittime sarebbero due donne (una di queste forse un’adolescente) e un uomo, oltre il killer. Sulla scena del delitto è stata trovata una pistola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Unicef: nel mondo oltre 200 milioni di bambini malnutriti

prev
Articolo Successivo

Filippine, dopo 13 anni di ostruzionismo Parlamento vara legge sulla contraccezione

next