A un certo punto don Giulio intona Hotel California. Le grandi navate della chiesa amplificano il suono della chitarra. Qualcuno dei ragazzi sui banchi è perplesso. Nessun timore, il sacerdote suona quelle canzoni a scopo didattico, per mettere in guardia: “Sono belle, vero?”. Ma dietro c’è ii diavolo. “Satana è un angelo della luce”, ammonisce il sacerdote. Il monito è rivolto ai tanti giovani accorsi nell’immensa chiesa del Santissimo Salvatore a Bologna alla veglia di preghiera, un incontro organizzato in meno di 10 giorni per “riparare” gli influssi negativi del concerto di Marilyn Manson e Rob Zombie, che si svolgeva contemporaneamente all’Unipol Arena di Casalecchio.

Quella emiliana era l’unica data italiana della tournée mondiale del Twins of evil tour. In 5 mila sono accorsi nell’arena alle porte di Bologna per il concerto iniziato alle sette di sera, quando Rob Zombie ha presentato i brani dal suo album Mondo sex headDragulaSuperbeastMore human than human, una raccolta di canzoni remixate sia di Rob stesso che della sua band, i White Zombie. Per Marilyn Manson,che tra i tanti travestimenti ne ha sfoggiato uno da cardinale, è stata invece l’occasione per suonare vecchi successi, come Sweet dreams (Are made of this)The dope showAntichrist superstar, sia i nuovi del suo ultimo album Born villain uscito lo scorso aprile, come Slo-mo-tionHey, cruel world…No reflection.

Tutt’altra musica nella fredda chiesa in centro a Bologna. Ai tanti fedeli attenti e un po’ preoccupati di dover cambiare gusti musicali, don Giulio Marra, sacerdote della Comunità Nuovi orizzonti, enumera una serie di gruppi, artisti o canzoni dal a rischio satanismo: Led Zeppelin, Eagles, Queen, Michael Jackson, per non parlare, ovviamente, di Marilyn Manson. Anche Imagine di John Lennon, a suo modo, non si salva: “Perché mi deve dire che immagina che non ci sia paradiso, inferno, e che non ci sia religione?”. Il prete mette in guardia anche dal merchandising: “Attenti, andate a un concerto, comprate un gadget, una maglietta, un ciondolino che potrebbero avere un maleficio addosso e così vi portate quello stress a casa”.

Per don Giulio il rock in generale è una musica a ‘rischio infiltrazioni sataniche’: “Ascoltarla troppo a lungo in un giorno, a volumi molto alti, può avere effetti molto negativi sulla emotività di una persona”. Ma non c’è solo il rock & roll. Tra gli artisti maledetti c’è anche l’idolo delle ragazzine, Tiziano Ferro: “Da lui non me lo aspettavo – spiega don Giulio ai fedeli – ma andate ad ascoltare la canzone Indietro…”. L’incontro è andato avanti sino alla mezzanotte, giusto l’ora che ha visto anche la fine del concerto di Marilyn Manson: “La nostra non è una protesta – spiega Andrea Scandale, uno dei giovani che ha organizzato la veglia – era solo ciò che andava fatto. Siamo un gruppo di ragazzi uniti contro la cultura di morte che si sta diffondendo a Bologna”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Favia tra facce scure e fiducia della base: “Potrebbe essere la mia ultima semestrale”

next
Articolo Successivo

Crisi economica, dove finiscono i nostri soldi

next