La festa dell’Ashura cade il decimo giorno del mese di Muharram, il primo del calendario religioso musulmano. E’ un giorno di festa per tutti i musulmani perché ricorda quando Noé lasciò l’arca alla fine del diluvio e quando Mosé (Musa per i musulmani) venne protetto da Dio contro il Faraone. Per gli sciiti, però, l’Ashura è soprattutto il giorno del martirio di Hussein, nipote di Maometto, ucciso nella battaglia di Karbala, nel 680. Karbala, in Iraq, è meta ogni anno di centinaia di migliaia di pellegrini che celebrano l’Ashura visitando il mausoleo di Hussein. E proprio a Karbala, uno dei più santi luoghi della devozione sciita, è esplosa oggi una delle bombe che hanno trasformato, ancora una volta l’Ashura in una giornata di sangue. L’autobomba che a Karbala ha ucciso quattro persone e ne ha ferite altre 16 era parcheggiata proprio all’ingresso di un altro santuario, quello dell’imam Abbas. Quasi contemporaneamente, un’altra autobomba è esplosa ad Hilla, una città prevalentemente sciita non lontana da Kerbala.

L’obiettivo era un ristorante, pieno di lavoratori: 35 morti e 80 feriti. Nel resto del paese, a Mosul e Fallujah, altre cinque vittime, stavolta soldati e poliziotti, travolti dall’esplosione di altre due autobomba. Appena pochi settimane fa, i quartieri sciiti di Baghdad erano stati oggetto di un’altra serie di esplosioni che avevano causato 12 morti e 50 feriti. Tra il 20 e il 28 ottobre, autobomba e attacchi con armi automatiche di nuovo contro obiettivi sciiti avevano ucciso in totale 70 persone e ne avevano ferito almeno 110. Una lunghissima scia di sangue che ormai da anni ha il suo picco proprio all’Ashura e nei 40 giorni successivi, che gli sciiti devoti dedicano al pellegrinaggio verso Karbala. Gli attentati, tuttavia, sono una costante del tragico panorama iracheno e ogni mese ha il suo bilancio di vittime. L’invasione statunitense (e degli altri paesi) del 2003, l’occupazione successiva e infine il ritiro delle truppe, hanno scatenato tensioni inter-comunitarie che il regime di Saddam Hussein aveva tenuto a freno sotto la cappa di piombo della repressione. A questo, però, si aggiungono altri elementi più immediati.

Ormai da quasi un anno, l’Iraq è ingarbugliato in una crisi politica e istituzionale in cui si intrecciano in modo molto complesso gli interessi delle principali “comunità” nazionali, ovvero sciiti, sunniti e kurdi, con le rivalità interne a ciascuna componente e la fragilità delle istituzioni post- Saddam. Il 9 settembre scorso, per esempio, la Corte suprema ha condannato a morte in contumacia il vicepresidente Tariq al-Hashemi (sunnita), fuggito dal paese a dicembre del 2011 dopo che era stato spiccato un mandato d’arresto nei suoi confronti. Al-Hashemi, al momento è rifugiato in Turchia e con la protezione di Ankara che non vuole estradarlo, accusa il primo ministro Nuri al-Maliki (sciita) di aver orchestrato un processo politico ai suoi danni. Il governo di al-Maliki si regge su un fragilissimo accordo politico, concluso nel 2010 dopo il rischio di una crisi interna che avrebbe potuto portare a una guerra civile. Tuttavia, al-Hashemi e diverse altre figure del panorama politico iracheno, sia sunniti, che sciiti che kurdi, accusano Al-Maliki di non aver rispettato quel patto a tre e anzi di voler concentrare nelle proprie mani sempre più potere. L’opposizione ad al-Maliki è però molto divisa e in assenza di un’alternativa credibile il primo ministro continua a reggere il governo, nonché – i suoi critici aggiungono – a controllare i servizi segreti.

Come scriveva un dettagliato rapporto dell’International Crisis Group a luglio scorso (dopo un’altra serie di attentati sanguinosi), il problema è più profondo: “E’ direttamente connesso con l’incapacità del sistema di superare l’eredità del regime di Saddam Hussein e delle sue pratiche repressive: una cultura di profondo sospetto accoppiata a un’idea della politica per cui chi vince prende tutto. Poiché non ha mai prodotto un bilanciato, e condiviso accordo sulla distribuzione del potere, del territorio e delle risorse, il mercato politico seguito alla caduta del regime ha fatto ben poco per rimediare a questa situazione”. Tutta colpa degli iracheni, dunque? No di certo. “L’ordine costituzionale favorito dall’occupazione statunitense è stato uno strano patchwork che non ha affrontato le questioni di fondo – prosegue il rapporto – la natura del sistema federale; i poteri del presidente, del primo ministro e del parlamento; perfino l’identità dello stato e dei suoi cittadini. Peggio ancora, congelando una concezione etno-settaria della politica ha contribuito ad alimentare un conflitto che a volte è stato più violento, a volte più subdolo, ma non è mai sparito del tutto”. Con le elezioni politiche previste per il 2014, è molto forte il timore che nei mesi a venire la situazione peggiorerà ancora.

di Joseph Zarlingo

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La guerra dei droni e degli omicidi mirati: 3mila vittime in dieci anni

next
Articolo Successivo

Onu, l’Assemblea generale riconosce la Palestina “Stato osservatore non membro”

next