Ecco come votare domenica 2 dicembre ai ballottaggi delle primarie del centrosinistra per sgombrare i dubbi provocati dall’infinita polemica che anima la sfida. Ecco chi e come si voterà al secondo turno:

Chi ha già votato al primo turno – Basta recarsi al seggio dove ha votato al primo turno e vota presentando il certificato di elettore di centrosinistra, il documento di identità e la tessera elettorale.

Chi ha già ritirato il certificato ma non ha votato – L’elettore va al suo seggio e vota presentando il certificato di elettore di centro sinistra, il documento di identità e la tessera elettorale.

Chi si è registrato online ma non ritirato il certificato – Bisogna recarsi al seggio, munito della stampa della registrazione on line, del documento di identità e della tessera elettorale. Versa i due euro, ritira il certificato di elettore di centro sinistra e vota.

Chi non è riuscito a registrarsi e non ha votato – Il 29 e il 30 novembre è necessario andare presso il coordinamento Provinciale delle Primarie Italia Bene Comune, oppure inviare un fax o una e-mail. I coordinamenti sono aperti in ogni capoluogo di provincia. Può chiedere di essere registrato spiegando le sue ragioni per non essersi riuscito a registrare prima. Il Coordinamento provinciale, al quale partecipano i rappresentanti dei candidati, decide se accettare la richiesta di registrazione o meno. Entro sabato 1 dicembre 2012 l’aspirante elettore riceverà la risposta e saprà se la sua richiesta è stata accettata o meno, insieme all’indicazione del seggio in cui eventualmente votare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Primarie: dalla casta alla crisi, i programmi di Bersani e Renzi a confronto

next
Articolo Successivo

Campania, in Regione sparisce l’Idv: lasciano tutti e quattro i consiglieri

next