Ecco come votare domenica 2 dicembre ai ballottaggi delle primarie del centrosinistra per sgombrare i dubbi provocati dall’infinita polemica che anima la sfida. Ecco chi e come si voterà al secondo turno:

Chi ha già votato al primo turno – Basta recarsi al seggio dove ha votato al primo turno e vota presentando il certificato di elettore di centrosinistra, il documento di identità e la tessera elettorale.

Chi ha già ritirato il certificato ma non ha votato – L’elettore va al suo seggio e vota presentando il certificato di elettore di centro sinistra, il documento di identità e la tessera elettorale.

Chi si è registrato online ma non ritirato il certificato – Bisogna recarsi al seggio, munito della stampa della registrazione on line, del documento di identità e della tessera elettorale. Versa i due euro, ritira il certificato di elettore di centro sinistra e vota.

Chi non è riuscito a registrarsi e non ha votato – Il 29 e il 30 novembre è necessario andare presso il coordinamento Provinciale delle Primarie Italia Bene Comune, oppure inviare un fax o una e-mail. I coordinamenti sono aperti in ogni capoluogo di provincia. Può chiedere di essere registrato spiegando le sue ragioni per non essersi riuscito a registrare prima. Il Coordinamento provinciale, al quale partecipano i rappresentanti dei candidati, decide se accettare la richiesta di registrazione o meno. Entro sabato 1 dicembre 2012 l’aspirante elettore riceverà la risposta e saprà se la sua richiesta è stata accettata o meno, insieme all’indicazione del seggio in cui eventualmente votare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie: dalla casta alla crisi, i programmi di Bersani e Renzi a confronto

prev
Articolo Successivo

Campania, in Regione sparisce l’Idv: lasciano tutti e quattro i consiglieri

next