Ritorno della politica dopo l’era dei tecnici. Ma magari col capo dei tecnici a capo della politica. E’ il progetto di Gianfranco Fini, che ha preso al balzo le parole di Giorgio Napolitano sul futuro del premier Monti.  Un’idea confermata oggi da Napoli, dove il presidente della Camera è intervenuto ad un incontro del suo partito. ”Il prossimo governo deve essere politico. I tecnici chiudono la loro esperienza nel momento in cui si chiudono le urne” ha detto Fini, che poi ha concentrato il suo intervento sul Monti-bis. Con parole ancor più chiare sul futuro dell’ex rettore della Bocconi. “Mi auguro – ha detto il numero uno di Montecitorio – che dalle elezioni ci sia un responso tale da rendere la proposta che la Lista per l’Italia farà di affidare l’incarico di formare il governo a Mario Monti meritevole di essere presa in considerazione perché suffragata dal responso elettorale”. Fini, poi, ha aggiunto che la grande sfida per il prossimo esecutivo sarà quella di coniugare al rigore politiche per il rilancio dell’economia e della produzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Futuri onorevoli a 5 Stelle: meno indennità, ma resta la diaria (certificata)

prev
Articolo Successivo

Grillo contro Renzi: “Ebetino di Firenze e carrierista, fai il sindaco e basta”

next