C’è stato anche il tema delle elezioni sul tavolo del Consiglio dei ministri. Il governo ha affrontato il nodo dell‘election day ma, com’era atteso, non è stata presa nessuna decisione. Il premier Mario Monti, riferiscono fonti ministeriali, ha riferito delle consultazioni avute con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e partiti, sottolineando che il governo dovrà ora attendere l’esito dei colloqui con le forze politiche. Il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, commentando la decisione del Consiglio di Stato, ha ricordato come ora il governo abbia maggiori margini di manovra a maggiori margini di manovra al governo, che ora avrà più tempo per eventuali modifiche alle decisioni prese in merito al voto regionale (Lombardia, Molise e Lazio). 

Per le 17 c’è una convocazione al Quirinale dei vertici della Repubblica per sciogliere il ‘nodo’ sulla data delle elezioni. Nel pomeriggio i presidenti di Senato e Camera, Renato Schifani e Gianfranco Fini, e il presidente del Consiglio, Mario Monti, incontreranno il Capo dello Stato. Non è ancora chiaro se la riunione sarà a quattro o se Giorgio Napolitano vedrà separatamente i numeri uno di Montecitorio e palazzo Madama e in un altro momento il premier. La notizia dell’incontro è stata rivelata da Milano dall’ex premier, Silvio Berlusconi che, rispondendo alle domande dei giornalisti sull’eventualità di un election day ha risposto che “questa sera c’è un incontro del Capo dello Stato con i presidenti di Camera e Senato e il presidente del Consiglio: da questo incontro si potrà sapere la data precisa delle elezioni”. In mattinata il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta della presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, di sospendere la sentenza del Tar sul voto immediato per le regionali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “Casini si schieri con noi. Con Monti dati disastrosi”

prev
Articolo Successivo

Pdl, Alfano chiude al Monti bis: “Impossibile collaborare con Bersani”

next