Prove tecniche di alleanze. Giovanni Favia sfida ancora una volta il leader Beppe Grillo e lancia un appoggio politico, addirittura in Parlamento, con sponda nell’Italia dei Valori. Nonostante Grillo abbia sempre sbattuto le porte in faccia a qualunque partito, il consigliere regionale del Movimento 5 stelle dell’Emilia Romagna, Giovanni Favia, ha annunciato, via Facebook, di aver trovato nel parlamentare Francesco Barbato un alleato a Montecitorio. “In trepidante attesa dei nostri parlamentari – scrive sulla sua bacheca – avendo bisogno di una sponda a Roma per alcune nostre interrogazioni, ho raccolto la disponibilità di Barbato (indipendente dell’ Idv) a presentarle in Parlamento”.

L’intenzione sarebbe quella di aprire un filo diretto tra Roma e l’Emilia Romagna, appoggiandosi momentaneamente a Barbato. “Già in passato avevamo fatto qualcosa di simile con degli europarlamentari, non solo italiani” aggiunge Favia, che poi cerca di tastare l’opinione degli attivisti, lanciando un sondaggio: “Pensate sia giusto? Avete in mente altri parlamentari a cui potremmo rivolgerci (dovrò portarmi la molletta per turarmi il naso)?”.

Una proposta che si presta ad essere letta come preludio a una futura alleanza. Anche se è il consigliere stesso ad escludere qualsiasi ipotesi di un patto politico, da sempre fumo negli occhi di Beppe Grillo: ”Non se ne parla nemmeno. Ovviamente parliamo di convergenza solo su singole battaglie non rinviabili al post elezioni il consigliere regionale emiliano del Movimento 5 stelle”. Aggiungendo: “Siamo su fronti politici opposti. Però, anche in consiglio regionale, io firmo atti con altri partiti. Ci deve interessare la causa, non la bandierina. Non confondiamo l’autonomia e il non fare l’alleanze con l’isolazionismo”.

E se Favia chiama l’Idv risponde. “ Vi ricordo che Barbato è anche il più produttivo dei parlamentari del suo collegio (Campania 1) nonostante sia da 4 anni e 6 mesi in parlamento, quindi la proposta di Favia è molto positiva se deve servire a risolvere i problemi dei cittadini con l’aiuto di atti parlamentari”.

Solo due settimane fa era stato il leader del Movimento, Beppe Grillo, a esporsi pubblicamente in favore di Antonio di Pietro. Dal suo blog il comico genovese aveva lanciato la candidatura dell’ex pm a Presidente della Repubblica. Defindendolo “l’unico che si è opposto al berlusconismo”. Specificando però, alcuni giorni dopo, di non aver alcuna intenzione di stringere un accordo elettorale con l’Idv: “Antonio Di Pietro ha la mia amicizia, ma il M5S non si alleerà né con l’Idv, né con nessun altro. Il Movimento 5 stelle vuole sostituire il sistema dei partiti con la democrazia diretta. In sostanza vuole la fine dei partiti basati sulla delega in bianco”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Francesco Guccini: “Ecco perché non nasce una nuova leva di cantautori”

next
Articolo Successivo

Sit-in Coop, 10 facchini in stato di fermo. La polizia fa ripartire i tir (foto e video)

next