La folla sullo sfondo nella foto di Antonio Di Pietro? Quella di un concerto degli 883. Tutto vero. Lo ha scoperto il sito davidpuente.it, il cui curatore, leggendo il portale del leader dell’Idv, si è imbattuto in un post dal titolo emblematico: “Ancora più forti e determinati”. A colpire l’attenzione, però, non è stato tanto il contenuto dell’articolo (la trascrizione dell’intervista all’ex pm pubblicata da Repubblica il 5 novembre), quanto lo scatto che corredava il pezzo: in primo piano Antonio Di Pietro, sullo sfondo una folla in festa. Forse troppo in festa. Ed ecco scoperta la piccola magagna. Davvero difficile, del resto, non notare che si trattava di un fotomontaggio di scarso livello: diverse le tonalità dei colori, diversa la nitidezza dell’immagine, molto evidenti le tracce dello scontornato.

 

 

 

 

Venuta a galla il trucco, il passo successivo era obbligato: cercare di capire a quale altro evento si riferisse la folla in questione. E qui la sorpresa di chi ha fatto la ricerca è andata oltre ogni più rosea aspettativa: l’orda di ragazzini in festa ritratta nella foto incriminata era quella di un vecchio concerto degli 883 di Max Pezzali. Morale della favola? Direttamente dall’auto della scoperta: “Con tutte le foto a disposizione dell’Italia dei Valori dovevano proprio usare quella pubblicata su un sito dedicato a Max Pezzali degli 883???“. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La prostata di Grillo e il punto G della Salsi

prev
Articolo Successivo

Come ti smonto Beppe

next