Nell’aula bunker del carcere Pagliarelli di Palermo, l’udienza preliminare vede sul banco degli imputati dodici tra rappresentanti delle istituzioni, delle forze dell’ordine e di Cosa nostra. “C’è emozione – ha detto ai cronisti il magistrato che sta lasciando l’Italia – perché inizia un processo importante e perché sono gli ultimi giorni, forse potrebbe essere la mia ultima udienza come procuratore aggiunto a Palermo”. L’emozione traspare anche nelle parole di Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso in via D’Amelio, che dal processo spera di trovare delle risposte. “Io credo – ha spiegato – che con la parte sana del Paese, che oggi dovrebbe essere qui presente, io credo che alla verità si possa arrivare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti Sesto, tre patteggiamenti a un anno e 8 mesi per corruzione

next
Articolo Successivo

Laziogate, assolto in appello l’ex governatore del Lazio Storace

next