Giovanna Melandri si dimetterà da parlamentare. Lo ha annunciato la stessa Melandri, ex ministro dei Beni Culturali dei governi D’Alema e Amato, comunicando al capogruppo alla Camera dei deputati del Pd Dario Franceschini “di aver avviato le procedure”. La Melandri cerca così di spegnere le polemiche scoppiate ieri sulla sua nomina a presidente della Fondazione Maxxi, che regge l’omonimo Museo nazionale delle arti del XXI secolo con sede a Roma. 

La deputata del Pd aveva rilasciato un’intervista a “la Repubblica“, nella quale respinge le accuse di lottizzazione arrivate da Pdl e Lega Nord: “Una spartizione? La decisione del ministro Ornaghi, che mi lusinga e mi onora, è la scelta di un tecnico nei confronti di un altro ‘tecnico’ perché quel museo l’ho istituito io quand’ero a capo del ministero dei Beni culturali. Ornaghi ha fatto una scelta istituzionale chiamando la ‘madre’ del Maxxi. Ma quale paracadute – ha aggiunto Melandri – Ornaghi mi ha chiesto di rilanciare e internazionalizzare il Maxxi che, ricordo, nasce con una mia scelta da ministro nel 1999. Non c’è nessuna logica spartitoria e il Pd non c’entra nulla”. Melandri nella stessa intervista ha comunicato che a cambiare idea sull’incarico “non ci penso nemmeno”. Infine intervistata anche dal Messaggero, l’ex ministro ha bollato come “miserie” le polemiche sulla scelta caduta su di lei.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non occorre cercare nuove terre, basta avere nuovi occhi

next
Articolo Successivo

Ddl Corruzione, Monti: “Superate resistenze, governo voleva fare di più”

next