Una scarpa intelligente che aiuta i pazienti colpiti da Alzheimer ad essere rintracciati quando si allontano in stato confusionale da casa. Un tecnologico ”filo di Arianna’ aggiornato con la tecnologia Gps, il sistema di posizionamento satellitare. Il tutto inserito nel tallone della calzatura. Il segnale con le coordinate della persona è inviato con una mail o un sms al cellulare di un familiare, che è così in grado trovare la posizione del caro su una mappa digitale. La scarpa, sviluppata dalla collaborazione tra un’azienda americana specializzata in dispositivi miniaturizzati, è in vendita nel Regno Unito al prezzo di 300 euro.

Una delle preoccupazioni più comuni per le famiglie che hanno un parente malato di Alzheimer è di scoprire che si è allontanato da casa disorientato e con alte probabilità di perdersi. L’innovativa scarpa è anche in grado di creare una zona sicura per cui se i pazienti si allontanano fuori dai confini scatta un allarme speciale inviato al parente con un messaggio email o un sms. Secondo Andrew Carle, del College Mason di Washington, “le scarpe salveranno la vita ai malati ed eviteranno molti incidenti soprattutto per le persone nelle prime fasi del morbo che sono a più alto rischio di ritrovarsi in stato confusionario. Inoltre – sottolinea – l’idea della calzatura supera l’ostacolo di mettere qualcosa addosso ai pazienti con Alzheimer che spesso non riconoscendolo come proprio lo rimuovono”. 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Geologia, Nature: “I primi 10 secondi determinano carattere eruzione”

next
Articolo Successivo

Uomini e topi parte II

next