In Grecia c’è chi ha parlato di “affronto”. La cancelliera tedesca, Angela Merkel, si è presentata ad Atene con la stessa giacca chiara indossata a Danzica quando la nazionale di calcio della Germania battè la Grecia agli europei di calcio, nel giugno scorso. La cancelliera è atterrata stamane nella capitale greca e a molti osservatori è subito balzata all’occhio quella giacca tipo ‘blazer’, di color “giallo lime” che il primo ministro tedesco indossava quel 22 giugno scorso, quando la Germania sconfisse la Grecia per 4 a 2 eliminandola dagli europei. E la scelta dell’abbigliamento ha attirato l’attenzione e le analisi di molti osservatori. La Merkel suole vestire in modo sobrio e austero e, a detta di molti esperti, con poche variazioni sul tema, tanto che questa stessa giacca indossata stamane ad Atene l’aveva anche in altre occasioni, come la riunione del G20, sempre nello scorso mese di giugno, a Los Cabos, in Messico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore