Sequestrati nel Barese taralli per il sospetto che fossero prodotti con crusca destinata ai cavalli. Gli anelli di pasta di pane non lievitata, prodotti tipicamente pugliesi, finivano sulle tavole di tutta Italia e anche all’estero. A produrre i taralli è la “Fiore di Puglia S.p.A.”. L’azienda vanta tra i suoi clienti Auchan, Carrefour, In’s Mercato, Md Discount, Autogrill. Valica anche i confini nazionali raggiungendo i palati di tutta Europa, nonché i consumatori di Russia, Cina, Giappone e America.

L’azienda figura tra le “eccellenze” del “Made in Puglia“. Visto che compare nell’elenco delle 36 imprese del Tacco d’Italia, produttrici di “prodotti tradizionali” accreditate sul portale www.tipicipuglia.it. A quest’ultimo fa riferimento l’Atlante dei prodotti tipici agroalimentari pubblicato dalla Regione Puglia, in una versione ancora disponibile in rete. Per quanto Dario Stefàno, assessore regionale alle risorse agroalimentari, spieghi: “Quel portale doveva essere da tempo oscurato. L’idea di creare una mappa delle aziende di prodotti tipici è stata abbandonata dalla Regione perché ingestibile”.

Il tarallificio sul proprio sito dichiara una capacità produttiva di cento quintali al giorno di taralli. Ma può sfornare quotidianamente anche 10 quintali di friselle, 25 quintali di pasta secca, 15 quintali di biscotti e pasticceria. Conta 60 dipendenti distribuiti su tre stabilimenti, che occupano una superficie di 12mila metri quadrati. Infine vanta un fatturato annuo di circa 6 milioni di euro. Sotto accusa è finita non tutta la produzione, ma la linea di taralli “integrale” e “multi cereale”.

Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato di Bari hanno sequestrato 2700 confezioni di taralli, da 250 grammi e 500 grammi. Sui cartoni pronti alla commercializzazione, oltre al logo che recita “La natura in tavola”, è stampato anche l’avviso sulla corretta conservazione. Si legge “contengono ingredienti genuini, privi di conservanti, quindi temono il caldo e l’umidità”. Peccato che i guai iniziano a monte. L’accusa mossa alla ditta dai forestali è proprio quella di spacciare per “genuini” prodotti che non sono tali.

I militari del Nucleo agroalimentare hanno bussato alla porta del tarallificio inseguendo tutt’altro. Dovevano accertare la correttezza dei dati stampati sulle etichette dei prodotti da forno. In particolare l’uso di olio Dop (Denominazione d’origine protetta), così come segnalato sulle confezioni dei taralli. Stando alle fatture, era tutto in regola. L’azienda effettivamente acquista olio Dop da alcuni fornitori. La sorpresa è arrivata però durante l’ispezione ai locali di produzione, dove i forestali hanno trovato quattro sacchi di crusca etichettati come “mangime” provenienti da un’azienda locale. A quel punto gli agenti di polizia giudiziaria sono ritornati a indagare tra le carte. La documentazione presente in azienda ha confermato che il tarallificio si rifornisce regolarmente di mangime per animali da una ditta pugliese.

L’ispezione è stata estesa anche ai magazzini dove vengono stoccate le materie prime. La visita ha aggiunto altri elementi alla presunta frode. Nei depositi è stata trovata crusca, sempre destinata agli animali, invasa da parassiti. I veterinari della Asl competente hanno prelevato alcuni campioni sia dal prodotto imbustato e destinato alla commercializzazione sia dalle materie prime. Sarà l’Arpa Puglia (Agenzia regionale prevenzione ambientale) ad accertare eventuali altre tossicità presenti nei campioni prelevati. L’amministratore unico della ditta è stato denunciato all’autorità giudiziaria. Deve rispondere di “vendita di sostanze non genuine come genuine” e di “commercio di sostanze alimentari nocive“.

Raggiunti al telefono, i proprietari tagliano corto e dichiarano che si tratta di una “bufala inventata dai giornalisti”. Intanto, in attesa degli esiti delle analisi effettuate sui campioni, il fascicolo è finito sulla scrivania del pm Michele Ruggiero, sostituto procuratore della Repubblica al tribunale di Trani. A lui il compito di vagliare anche eventuali altri reati.

di Rosaria Malcangi

Aggiornamento:  In data 25 marzo 2013, il PM che ne aveva ordinato il sequestro, ha disposto il dissequestro dei taralli, oggetto di accertamento, rilevando l’assenza di mangimi per animali o di altri componenti nocivi.