“C’è chi fa l’avvocato, il medico, l’attore comico. Non vedo perché io non possa avere una seconda occupazione, se così vogliamo chiamarla visto che comunque è stata una tantum”. Nicole Minetti irrompe alla settimana della moda di Milano e non delude le aspettative. L’ex igienista dentale di Silvio Berlusconi diventata consigliera regionale in Lombardia, imputata con Lele Mora ed Emilio Fede per induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile per affaire bunga bunga, rivendica la scelta di “modella per un giorno” e non teme affatto le critiche dei colleghi del Pdl: “Sinceramente non vedo perché dovrebbero esserci delle polemiche. Qualcuno dell’opposizione potrà strumentalizzare la mia presenza qui, ma fa parte del gioco”. Del resto, “che c’è di male a mettersi in costume da bagno? Chi fa politica non può mettersi in costume da bagno?”. 

La consigliera si è esibita in una sfilata ‘succinta’, indossando prima un bikini viola e poi un tre pezzi bianco. Testimonial della casa di costumi lombarda, l’ex igienista dentale non ha rinunciato però a parlare di politica, ribadendo di non avere alcuna intenzione di dimettersi. “Non ho nessun ripensamento – spiega nel backstage – non mi dimetto”. Poi, parlando delle primarie del Pd, ha svelato che “se dovessi votare, lo farei per Renzi”. Infine, sempre attorniata da giornalisti e fotografi, ha spiegato che “politica e moda possono conciliarsi benissimo. Anzi, per me la politica è al servizio della moda”. “La mia prima passione resta sempre la politica – ha precisato la Minetti – oggi è solo un ritorno alle origini, perché avevo sfilato quando era un po’ più piccola”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano fashion week, la pagella di Cocò Flanelle/3

next
Articolo Successivo

Milano fashion week, la pagella di Cocò Flanelle/4

next