“Con quella banda non c’entro niente. Legare la mia rimozione allo scandalo Fiorito significa gettare schizzi di fango su una persona perbene. Io non ho mai commesso nessun reato”. È lo sfogo di Donato Robilotta, nel suo ultimo giorno da commissario straordinario dell’Ipab Sant’Alessio, ente pubblico regionale che gestisce un ricco patrimonio immobiliare. Robilotta prepara il trasloco dal suo ufficio: la governatrice del Lazio, Renata Polverini, ieri ha deciso di non rinnovare il suo mandato. Decisione annunciata in aula durante il consiglio regionale. Il motivo: Franco Fiorito s’è aggiudicato l’affitto di un appartamento, in via Margutta 51/A, che appartiene all’Istituto per la beneficenza e assistenza Sant’Alessio. Per l’immobile di 150 mq – che nel film “Vacanze romane” ha ospitato Gregory Peck e Audrey Hepburn – l’ex capogruppo del Pdl ha offerto 5100 euro.

“Non ho rinnovato la nomina alla direzione dell’Ipab – ha spiegato la presidente –perché non si può dare in affitto un appartamento pubblico a un consigliere regionale”. La Polverini prende la decisione senza comunicarla al diretto interessato: Robilotta apprende la notizia mentre segue la diretta televisiva del Consiglio. “Non mi ha chiamato nessuno e sono molto arrabbiato” lamenta l’ex commissario. Dopo le dimissioni di Francesco Battistoni – ex capogruppo regionale del Pdl, che s’è dimesso due giorni fa – arriva la “rimozione” di Robilotta. “La casa”, continua l’ex direttore dell’Ipab, “Fiorito l’ha pagata a prezzo di mercato, dopo aver presentato l’offerta migliore, e partecipando a un bando pubblico regolare. Per sostenere i costi del Sant’Alessio, ho dovuto valorizzare il patrimonio immobiliare. Quella casa, fino al 2010, aveva un canone d’affitto di 280 euro fisso da oltre trent’anni”.

Da 280 euro a 5mila: un affare per l’ente. Fiorito si mostra tranquillo: “Ho preso quella casa – spiega al fattoquotidiano.it – seguendo una procedura regolare: dei 5100 euro, 3800 li pago per l’affitto e il resto per la ristrutturazione, che è intorno ai 50 mila euro”. Privilegi che non tutti possono permettersi. Un politico come Fiorito, invece può, e senza aver ancora pagato l’affitto: “Nel bando – conclude – c’è scritto che l’affitto è bloccato per tutto il tempo dei lavori di ristrutturazione. E io, in tutta la mia vita, in quella casa ho messo piede soltanto una volta”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tivoli, la società delle terme costruisce appartamenti. Ma non poteva

next
Articolo Successivo

Valanga sull’Himalaya, 13 morti. Un italiano tra le vittime

next