La miniera del Carbosulcis ”non subirà la paventata interruzione dell’attività al 31 dicembre”. E’ l’esito, informa il Ministero dello Sviluppo, dell’incontro di oggi in cui si è anche deciso di rivedere il progetto carbone pulito “per aggiornarlo e renderlo compatibile con le migliori tecnologie ed economicamente sostenibile”.

Governo, regione e provincia – si legge nella nota – si sono incontrati oggi per discutere le problematiche della miniera e del polo tecnologico per il carbone pulito. La riunione è stata presieduta dal ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, ed erano presenti, oltre al sottosegretario, Claudio De Vincenti, il presidente della regione Sardegna Ugo Cappellacci e il presidente della provincia Carbonia Iglesias, Salvatore Cherchi. “Si è deciso – spiega la nota – di rivedere il progetto per aggiornarlo e renderlo compatibile con le migliori tecnologie ed economicamente sostenibile. A tal fine – si legge ancora – si è deciso di proporre al parlamento la proroga della scadenza prevista dalla legge (99/2009) per il bando di affidamento della relativa concessione”. “L’attività mineraria – sottolinea la nota – non subirà la paventata interruzione al 31 dicembre”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Senza lavoro quasi 1,4 milioni degli under 35. E uno su tre nella fascia 15-24

prev
Articolo Successivo

Crisi, il grido di dolore di Gigi Riva: “Sardi fregati e disperati, non c’è via d’uscita”

next