Il governo tedesco ha approvato un disegno di legge che impone ai motori di ricerca, come Google, il pagamento di diritti d’autore ai media tedeschi in caso di visualizzazione dei titoli delle notizie sui loro siti web.

Una scelta che la filiale tedesca di Google ha condannato parlando di un “giorno nero” per il web, augurandosi che il disegno di legge venga respinto dal Bundestag. Fino ad oggi i siti aggregatori di notizie non sono sottoposti in Germania all’obbligo di pagare i diritti per la pubblicazione dei titoli e delle anteprime degli articoli. L’obiettivo del disegno di legge è quello di dare vita a una nuova forma di diritto d’autore che consenta ai media di concedere in licenza l’uso dei titoli dei propri articoli.

Per il portavoce del governo, Steffen Seibert, il disegno di legge dovrebbe applicarsi solo ai portali di notizie con finalità commerciali, mentre blog, gruppi non-profit e altre associazioni potrebbero continuare a rilanciare i titoli sui propri siti senza pagare. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, Ferrara in tv attacca: “Fottuti pm”

prev
Articolo Successivo

Rai, strigliata del dg Gubitosi a Uno Mattina per “propaganda occulta”

next