Bersani ci mette il carico. E getta benzina sul fuoco della polemica. Il bersaglio è sempre lo stesso: Beppe Grillo e i suoi attacchi nei confronti del Partito democratico. Attacchi che, il segretario del Pd lo conferma, sono sferrati con linguaggio fascista. “Rispetto tutti e voglio parlare con tutti e intendo approfittare anch’io della sacrosanta libertà della rete. Non insulto nessuno, né tantomeno voglio iscrivere qualcuno al partito nazionale fascista che, per fortuna, non c’è più – ha spiegato Bersani – Ho detto, e intendo ripetere, una cosa semplice e precisa. Frasi del tipo: ‘siete dei cadaveri ambulanti, vi seppelliremo vivi’ e così via, sono le frasi di un linguaggio fascista, così come lo abbiamo conosciuto in Italia”. “E’ vero o no?”, si è chiesto Bersani: “Ci si rifletta un attimo e si risponda a questo senza divagare, senza deformare quel che ho detto, senza insultare – ha attaccato il segretario del Partito democratico – E a chi consiglia di lasciar correre per opportunità, o per opportunismo, rispondo – ha puntualizzato – che essere riformisti significa anche piantare qualche chiodo. Non pensando a noi, ma pensando all’Italia”.

A rinforzare la posizione di Pier Luigi Bersani, inoltre, è arrivato anche il parere di Enrico Letta, secondo cui “Grillo è l’unico leader politico italiano al quale non si possono fare domande, con il quale non si può avere una dialettica e un confronto faccia a faccia”. Per il vicecapogruppo del Pd, in diretta da ‘VeDro’ su Radio 24, “la politica per forza di cose deve essere faccia a faccia, domanda, risposta. Il M5S e Grillo in particolare, propone un modello nel quale lui lancia il verbo dall’alto, con lui non si può avere nessuna forma di dialogo e questo verbo, che nel 90% dei casi è sotto forma di anatema o insulto, viene replicato e diventa un’onda d’urto che la rete ripete”. “Bersani – ha spiegato Letta – ha reagito a questo meccanismo che non fa bene alla politica e credo che sia salutare che qualcuno abbia preso di petto Grillo perché quel meccanismo dell’anatema dall’alto replicato poi come un’onda d’urto che colpisce duramente la persona, è un meccanismo che ha fatto sì che in questi mesi si sia preferito evitare il confronto diretto con Grillo e in questo -conclude Latta – ecco il termine ‘squadrismo web‘”

Non la pensa così il senatore dell’Idv Luigi Li Gotti. “Spiace la reazione di Bersani alle critiche, anche aspre, al governo Monti e al Pd che lo sostiene – ha scritto sul suo blog l’esponente di punta dell’Italia dei valori – L’Idv conduce una opposizione netta e non si può pretende che si scindano le responsabilità nel momento della critica”. Per il responsabile Giustizia dell’Idv “ancor più evidente è il contrasto con chi è stato l’alleato sin dal 2006. Bersani omette di considerare che la divisione del centrosinistra non è dell’Idv, ma è nella realtà di un centrosinistra che governa e di un centrosinistra che è opposizione. Poi Bersani si offende per i toni ed i modi – ha continuato Li Gotti – : sono quelli delle competizioni e contrapposizioni politiche, esaltati dalla necessità di dover alzare la voce per farsi sentire, in un sistema mediatico fatto di spot e non di ragionamenti, con i tempi della comunicazione immediata”. “L’offeso Bersani ora – ha spiegato il senatore – ha trovato il modo mediaticamente più diretto per manifestare il suo radicale disappunto dandoci dei ‘fascisti’. Era lo stesso termine che venne usato per bollare i martiri di Budapest. Corsi e ricorsi storici: pensate – ha concluso Li Gotti- che il nostro Presidente della Repubblica, all’epoca, disse che i carri armati sovietici riportarono la pace e la servirono (25 mila rivoltosi ammazzati). Attenzione alle parole, la storia è amara”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bersani e i “fascisti del web”

next
Articolo Successivo

Agenda digitale, per ora solo buoni intenti. Toto-nomine per l’Authority

next