Secondo il Financial Times, Unicredit è stata inserita nella lunga black-list di banche internazionali messe sotto stretta osservazione dagli Stati Uniti per aver aggirato le sanzioni americane contro Teheran. Il quotidiano economico londinese ha citato come fonti “persone vicine all’inchiesta”. La stessa banca ha confermato, rendendo pubblici diversi documenti, di aver intrapreso una collaborazione con le autorità a stelle e strisce per verificare la possibile violazione delle norme di Washington, che proibiscono di fare affari con alcuni paesi. Il giornale britannico ha precisato che si tratterebbe proprio dell’Iran. In un comunicato pubblicato sabato, Unicredit ha ammesso di essere sotto inchiesta del District Attorney’s Office della contea di New York, del ministero del Tesoro Usa e del Dipartimento della Giustizia di Washington.

Nel mirino dell’inchiesta vi sarebbe una sussidiaria tedesca di Unicredit, la HypoVereinsbank, che la banca italiana ha acquistato nel 2005. La collaborazione di HypoVereinsbank con le autorità statunitensi riguardo l’inchiesta sulla rottura delle sanzioni con l’Iran è “una questione non nuova”, come documentano sia la relazione finanziaria annuale consolidata 2011 che la semestrale 2012. Lo hanno sottolineato fonti Unicredit, spiegando che in esse è scritto che una società del gruppo (HVB) sta rispondendo a un’indagine in corso delle autorità Usa. Inoltre la controllata “sta pienamente collaborando ed effettuando le revisioni interne delle operazioni effettuate”.

L’indagine è l’ultima condotta negli Usa su istituti di credito europei e giapponesi sospettati di aver condotto transazioni illegali in dollari con l’Iran e altri paesi. Meno di una settimana fa tra le banche nel mirino è finita Royal Bank of Scotland dopo che Standard Chartered ha accettato di pagare una multa di 340 milioni di dollari al Department of Financial Services di New York per chiudere accuse di avere rotto le sanzioni bancarie Usa contro l’Iran.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il mutuo? Si stima con Google

prev
Articolo Successivo

Spread, Bundesbank contro piani Bce. Merkel: “Pesare le parole sulla Grecia”

next