“Stiamo con i magistrati”. La campagna del Fatto Quotidiano, a cui hanno aderito già più di 127 mila lettori, a sostegno dei pm di Palermo e Caltanissetta, sarà presentata oggi alla stampa estera (alle 17 a Roma): parleranno il direttore Antonio Padellaro, il vicedirettore Marco Travaglio e interverrà anche il procuratore aggiunto della Dda di Palermo Vittorio Teresi. Sarà un’occasione per provare a fare chiarezza ai media internazionali – in base agli elementi fin qui accertati – sulla complicata vicenda della trattativa Stato-mafia del ’92-’93.

NECESSARIO perché la stampa italiana si è come accorta in ritardo della rilevanza del tema e continua a fare un’enorme confusione, voluta o meno, sui risvolti della trattativa stessa e sugli strascichi dei giorni nostri, come la vicenda delle telefonate Mancino-Napolitano e il conflitto di attribuzione per cui il Quirinale si è rivolto alla Consulta contro la procura di Palermo. Sarà anche uno dei temi affrontati, anzi il fiore all’occhiello, nei dibattiti della festa del Fatto alla Versiliana, in programma dal 7 al 9 settembre a Marina di Pietrasanta (Viareggio).

I lettori che vorranno partecipare potranno manifestare direttamente la loro solidarietà con la presenza, domenica 9 alle 17, all’iniziativa “Due anni di stragi, vent’anni di trattativa”: interverranno i pm di Palermo Antonio Ingroia e Antonino Di Matteo (a cui saranno consegnate le firme raccolte), il procuratore capo di Torino Gian Carlo Caselli, Salvatore Borsellino e Marco Travaglio. Con la conduzione di Marco Lillo e una lettura commentata di Isabella Ferrari. Una delle aspirazioni di questa tre giorni è, infatti, proprio quella di ricomporre la frattura fra magistratura e politica e confrontarsi su possibili soluzioni che possano rappresentare un punto di partenza per il nostro Paese.

Intanto è ancora possibile firmare la petizione su ilfattoquotidiano.it: basta riempire il modulo online con nome, cognome e indirizzo email, che ovviamente non sarà pubblicato.

Nei giorni della Versiliana il Fatto Quotidiano celebrerà i primi tre anni in edicola. Già questo, in un momento di crisi dell’editoria, sarebbe un buon motivo per festeggiare. Possiamo dire di essere di fronte a un compleanno davvero speciale, che il quotidiano vuole condividere con i tanti lettori, amici e sostenitori che rendono possibile questo successo.

DURANTE la tre-giorni di incontri, presentata ieri a Marina di Pietrasanta dal sindaco Domenico Lombardi, dalla presidente della Fondazione Versiliana Dianora Poletti insieme al direttore Padellaro e all’amministratore delegato del Fatto Cinzia Monteverdi, si susseguiranno dibattiti, interviste e presentazioni alla quale parteciperanno, insieme ai giornalisti del Fatto Quotidiano, importanti rappresentanti del mondo dell’informazione, della politica, dell’economia e della cultura del nostro Paese. Per l’occasione, la redazione del giornale e del sito si trasferiranno per tutta la durata della festa nella villa del parco. Un modo anche per condividere una riflessione sulla crisi complessiva del Paese.

Tra i tanti appuntamenti, dalla politica alla giustizia, dal sociale all’economia, venerdì 7 ci sarà lo spettacolo “Gaber se fosse Gaber” di e con Andrea Scanzi (22,30), sabato 8 il concerto serale con Antonella Ruggiero (21,30). E domenica 9 gran finale della festa con il concerto di Franco Battiato (21,30).

Negli spazi del Parco saranno allestite tre mostre: le foto dei lettori scelte e presentate da Oliviero Toscani; “Made in Pietrasanta: omaggio agli artigiani”, mostra fotografica di Enzo Cei; e le vignette di Mario Natangelo.

da Il Fatto Quotidiano del 22 agosto 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’ordine di B. per quell’appalto Impregilo che ‘tocca’ il presidente di Panama

prev
Articolo Successivo

La trattativa spiegata ai media stranieri: “Nessun complotto del Fatto”

next