Non c’è pace per Taranto. In corrispondenza del secondo sporgente del porto è stata avvistata una chiazza fra i3 e i 4 metri cubi olio combustibile larga trecento metri quadri. La capitaneria di porto e la società Ecotaras hanno attivato le operazioni di bonifica del tratto di mare mentre personale dell’Arpa è al lavoro per le analisi del materiale in mare. L’ipotesi più accreditata è che si tratti di uno sversamento di una nave battente bandiera turca.

Per ora non è chiaro se la fuoriuscita di petrolio sia stato provocato da una falla a bordo della nave o da un errore di manovra nell’apertura delle valvole tra i serbatoi di zavorra e quelli di greggio, così come accaduto in un incidente analogo avvenuto il 12 aprile scorso. La nave turca è impegnata in operazioni di carico di loppa di scarto (i “rifiuti” dell’altoforno, ndr) proveniente dall’Ilva. In mare sono state utilizzate panne galleggianti per evitare che il carburante potesse ulteriormente propagarsi e vengono utilizzate pompe per aspirare il liquido combustibile in superficie.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wind Jet, pronta la cassaintegrazione. Lavoratori convocati dall’azienda

prev
Articolo Successivo

L’Espresso: “Ex Dc consegna a pm Firenze documenti sull’ascesa di Berlusconi”

next