Il capitano Francesco Schettino è tornato a solcare il mare, al posto di comando come si conviene a un comandante. A ritrarlo, ma non al timone, è il The Sun, un quotidiano britannico, che lo ha immortalato non più a dirigere una nave da crociera, ma un motoscafo di un amico, che si è sentito di farglielo manovrare secondo i giornalisti inglesi per poco, nelle acque di Sorrento. Il comandante della Costa Concordia, naufragata al Giglio il 13 gennaio scorso, è potuto tornare ad assaporare il senso di libertà che regala il mare, in quanto dal 5 luglio non è più agli arresti domiciliari. Deve solo rispettare l’obbligo di dimora a Meta di Sorrento, come disposto dal giudice  per le indagini preliminari di Grosseto. 

Secondo l’avvocato difensore Bruno Leporatti, indicato dal quotidiano britannico come il compagno di scorrazzate di Schettino nella foto, circostanza da lui stesso smentita, al capitano, che è fuggito durante l’affondamento del Giglio dove sono morte 32 persone, non è stata revocata la patente nautica, quindi ha pieno titolo a condurre dei natanti. L’ex sindaco di Meta di Sorrento, Carlo Sassi, invece sostiene che sia stato proprio Leopratti a “prestare” la conduzione della barca a Schettino: “E’ stato fotografato sul motoscafo del suo avvocato Bruno Leporatti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fornero, ma quale serietà?

next
Articolo Successivo

Ilva Taranto, migliaia ai cortei in città. Comizi interrotti da un blitz dei Cobas

next