Anna Iozzino, responsabile della filiale di Torre del Greco, ferita con tre colpi di pistola ieri mattina da un impiegato postale è morta nella notte all’ospedale Cardarelli. Le sue condizioni erano parse da subito gravi: era stata infatti colpita al fianco, alla mandibola e di striscio al petto. Il suo assassino, Cristoforo Gaglione, 53 anni, aveva lavorato come guardia giurata; dopo la sparatoria era fuggito ed era stato arrestato nel pomeriggio dalla polizia. E’ accusato di omicidio premeditato aggravato, porto e detenzione abusiva di armi clandestine e ricettazione. La pistola con la quale ha sparato, una Beretta con la matricola cancellata, era detenuta illegalmente.

Agli inquirenti, ha dichiarato solo: “Ho fatto un atto di giustizia”. Pochi giorni prima dell’omicidio i due avevano avuto un diverbio per motivi lavorativi: la donna aveva deciso di trasferire Gaglione dall’ufficio finanziario al settore raccomandate. Ieri mattina il dipendente, prima di andare in ufficio, è passato a salutare la madre, come faceva quotidianamente. Poi è arrivato nella sede centrale di Poste Italiane di via Vittorio Veneto, recandosi nella stanza dove si stava svolgendo il breafing di inizio attività. Ha estratto la pistola e ha chiesto ai colleghi di spostarsi. E’ partito un primo colpo, che ha centrato Anna Iozzino al fianco. La donna, seppur ferita, ha tentato di dissuadere il suo aggressore alzandosi in piedi, ma è caduta a terra. E’ intervenuta una collega di Gaglione. “Spostati o sparo anche a te”, ha gridato il 53enne. Altri due colpi, che hanno ferito la direttrice alla mandibola e di striscio al petto. Poi il quarto colpo che ha fatto inceppare l’arma e la decisione di scappare. Sono quindi partite le ricerche: prima è stata individuata la macchina dell’assassino (una Citroen X3 nera, in via Prota, strada periferica tra Torre del Greco e Torre Annunziata). Poi è toccato a lui.

L’uomo non è ‘sconosciuto’ alle forze dell’Ordine: lo scorso anno aveva aggredito i vigili urbani che gli stavano sequestrando la Vespa; era stato denunciato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Nella sua auto, oltre alla Beretta, sono stati trovati un’altra piccola pistola, diverse munizioni di vario calibro e un punteruolo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Cassazione su mafia e appalti: “L’uomo di Gardini volle favorire Cosa nostra”

prev
Articolo Successivo

A Corigliano d’Otranto il filosofo è comunale

next