E’ stato annullato e rimandato ad ottobre il concerto di Anastacia che si sarebbe dovuto svolgere domani sera all’Arena Parco Nord di Bologna. L’organizzazione ha giustificato l’annullamento parlando ”delle nuove scosse di terremoto che stanno interessando da due giorni le zone di Mirandola e Bologna”, che pero’ non sono niente di diverso dallo sciame di piccole scosse che da settimane interessano la zona. I biglietti già venduti resteranno validi per la nuova data.

Un’esibizione davvero travagliata, quella della cantante statunitense in Emilia. Lodevole lo sforzo iniziale di approntare per la catastrofe del terremoto un live con una parte d’incasso (il ricavato di t-shirt con foto vendute per l’occasione, n.d.r.) da devolvere in beneficenza alle persone colpite dal sisma di maggio 2012. Data fatidica doveva essere il 19 luglio, ma allo stadio Braglia di Modena. A metà giugno, un nuovo spostamento voluto dal management dell’autrice di Not that kind, in Italia seguita dall’ufficio comunicazione Copetti, al parco Nord di Bologna. Infine, a 24 ore dal concerto, un nuovo rinvio a data da destinarsi a seguito di scosse (ieri, 17 luglio, solo due sotto i 3.0 Richter, n.d.r.) che a definirle tali, per coloro i quali vivono nella bassa modenese e che avrebbero dovuto beneficiare della solidarietà di Anastacia, sembra quasi una beffa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Coppie omosessuali, Arcigay non va alla festa dell’Unità. “Il Pd dica che sta con noi”

prev
Articolo Successivo

A rischio i soldi dell’Europa per la neve: hanno fatto richiesta undici regioni

next