Nulla di male, anzi. Gli affari sono affari, ma al teatro comunale di Modena, il 6 settembre prossimo, riecheggeranno gli acuti del maestro Luciano Pavarotti senza un accenno al dramma del terremoto che ha sconvolto la provincia di Modena, ma con un’abbondante dose di Nutella, dolcissimo sponsor dell’intera serata.

La Fondazione Luciano Pavarotti, come si legge dalla nota stampa, “desidera ricordare la figura artistica ed umana del maestro, nel quinto anniversario della sua scomparsa, attraverso un grande concerto rivolto al pubblico della sua città”. Al Comunale arriveranno Zucchero, Jovanotti, Elisa, Montserrat Caballè, sia per ricordare il maestro scomparso il 6 settembre del 2007, sia per celebrare i 20 anni del Pavarotti&Friends, antesignano degli italianissimi live aid che proprio sulla benificenza di volta in volta a diversi casi umanitari ha costruito la propria fama filantropica.

Rimane il fatto che oltre all’intento umanitario/culturale, la cosiddetta mission nel promuovere e far conoscere nuovi talenti del canto lirico, sul palco ci si ritroverà per una puntata del Pavarotti&friends con tanto di diretta web, grazie al sito di Vanity Fair (www.vanityfair.it)

Così le performance dei “big” saranno intercalate dalle esibizioni dei professionisti in erba, accompagnati da un’orchestra di 65 elementi con direttore Fabrizio Maria Carminati: Alessandro Scotto di Luzio, Pablo Karaman, Alessandro Fantoni, Marco Frusoni, Giacomo Patti e Julien Dran (tenori); Simona Todaro e Pervin Chakar (soprani); Valeria Sepe (mezzo-soprano); Andrea Zaupa (baritono).

La passerella canora del 6 settembre sarà poi condotta da Fabio Fazio, colui che convinse Pavarotti a salire sul teatro Ariston di Sanremo, e vedrà la partecipazione straordinaria di Ennio Morricone.

Chiosa, appunto, sul terremoto, proprio nei giorni in cui è tutto un fiorire di iniziative artistiche di solidarietà: “in un momento così difficile per il territorio modenese e nella consapevolezza che Fondazione Cassa di Risparmio e il Comune di Modena sono prioritariamente impegnati nel sostenere gli interventi nelle zone più colpite dal terremoto, la Fondazione Luciano Pavarotti ha rinunciato a ogni finanziamento pubblico e operato affinché l’evento del 6 Settembre 2012, dedicato al Maestro Pavarotti, fosse integralmente finanziato col sostegno di sponsor privati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo Scambio di Gianni Flamini: il patto tra stato e mafia prima dell’ascesa di B.

next
Articolo Successivo

Nuova era per la sicurezza a Parma. Pizzarotti: “Non sarò un sindaco sceriffo”

next