Dopo 3 settimane di silenzio stampa, Macao torna ad occupare a Milano. Il gruppo dei lavoratori dell’arte si è dato appuntamento in diversi luoghi della città per poi convergere tutti all’ex seminatore di via Eginardo 15, in zona Fiera Campionaria. Lì, hanno trovato uno spazio pieno di rifiuti, un gruppo di occupanti immigrati e delle istallazioni piene di amianto; delle criticità non trascurabili per un gruppo di occupanti. ”Sono delle tappe di un percorso che si è fatto dall’occupazione della torre Galfa, che si è fatto dall’occupazione di piazza Macao e poi dell’occupazione di palazzo Citterio” dice Daria, dei Lavoratori dell’arte.  Gli attivisti di Macao quindi non si sono fermati, continuando a denunciare la cattiva gestione degli spazi vuoti a Milano. E hanno deciso di fermarsi all’ex macello di via Molise di Chantal Dumont

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Macao, cinque occupazioni in un mese a Milano, ultima tappa l’ex macello

next
Articolo Successivo

Val Susa, tensione a Chiomonte. Un gruppo di No Tav lancia pietre contro la polizia

next