Dopo 3 settimane di silenzio stampa, Macao torna ad occupare a Milano. Il gruppo dei lavoratori dell’arte si è dato appuntamento in diversi luoghi della città per poi convergere tutti all’ex seminatore di via Eginardo 15, in zona Fiera Campionaria. Lì, hanno trovato uno spazio pieno di rifiuti, un gruppo di occupanti immigrati e delle istallazioni piene di amianto; delle criticità non trascurabili per un gruppo di occupanti. ”Sono delle tappe di un percorso che si è fatto dall’occupazione della torre Galfa, che si è fatto dall’occupazione di piazza Macao e poi dell’occupazione di palazzo Citterio” dice Daria, dei Lavoratori dell’arte.  Gli attivisti di Macao quindi non si sono fermati, continuando a denunciare la cattiva gestione degli spazi vuoti a Milano. E hanno deciso di fermarsi all’ex macello di via Molise di Chantal Dumont

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

INGV, l’istituto che disturba le assicurazioni?

prev
Articolo Successivo

Val Susa, tensione a Chiomonte. Un gruppo di No Tav lancia pietre contro la polizia

next