“Per l’Italia l’emergenza non è finita”, il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, davanti agli economisti riuniti a Venezia al consiglio per le relazioni Italia-Usa avverte: “Le riforme strutturali, se viste in un quadro di strategia complessiva, possono fornire le basi per rafforzare la fiducia nel nostro potenziale per sostenere la crescita economica”. 

Visco chiede al governo di insistere nella battaglia contro elusione ed evasione fiscale. “Preservare e sostenere la responsabiltà fiscale è essenziale – ha osservato – anche a costo di difficoltà di breve termine”. Per il governatore di Banca d’Italia “il debito pubblico, oggi pari al 120 per cento del Pil, dovrebbe iniziare a ridursi nel 2013”. “In assenza di una politica unica a livello europeo – ha osservato Visco – le vulnerabilità di ciascun Paese sarebbero amplificate. Senza il disegno e l’implementazione di appropriate misure di governance, l’unione monetaria è difficile da sostenere”.

Le previsioni economiche e le condizioni dei mercati finanziari “sono scoraggianti” secondo Visco, che da Venezia, parla di “grande incertezza” e sottolinea il rischio di “un ulteriore rallentamento economico”.

”In Europa – ha detto il governatore – il processo di riforma deve essere rafforzato a livello nazionale e sovranazionale per rendere più veloce la crescita e consentire un corretto equilibrio nel settore pubblico e in quello privato”. In questo contesto “l’impegno del G20 deve essere quello di proseguire nella crescita in modo consistente. In particolare la riforma della governance economica deve essere accelerata per rompere il legame tra rischio sovrano e rischio bancario”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi, la Spagna chiederà gli aiuti. L’Eurogruppo: “Pronti 100 miliardi”

prev
Articolo Successivo

Marchionne “offre” gli stabilimenti Fiat in affitto a Mazda

next