Continuano le scosse, anche se poco intense e in misura quantitativamente minore, nelle aree colpite dal sisma. Ed è salito a 26 il numero delle vittime dei due terremoti. Alla tragica e lunga lista oggi si sono aggiunti i nomi di Sandra Gherardi, 45 anni, deceduta la notte scorsa all’ospedale Maggiore di Bologna, dopo essere stata ferita gravemente dalla caduta di alcuni cornicioni il 29 maggio in una strada di Cento nel ferrarese. In serata è deceduta anche una 54enne di Cavezzo, residente in via 1° Maggio, travolta dalla macerie della sua abitazione al primo piano. Ancora in gravissime condizioni due donne ricoverate all’ospedale Baggiovara di Modena. In pericolo di vita anche un uomo, ricoverato sempre in rianimazione al Maggiore di Bologna, rimasto ferito nella scossa del 29 maggio.

Una liberatoria per far tornare a lavorare i dipendenti sotto la loro responsabilità. Dopo gli eventi sismici che il 20 e il 29 maggio hanno messo in ginocchio il cuore del tessuto economico e industriale dell’Emilia Romagna, dalle città più colpite si chiede a gran voce di poter ricominciare a lavorare, a produrre. Ma, per diverse aziende, sono i lavoratori a doversi assumere ogni responsabilità relativa alla propria incolumità. Ad alcuni operai, denuncia la Cgil Emilia Romagna, che in questi giorni ha ricevuto svariate segnalazioni provenienti dal modenese e dal reggiano, “è stato chiesto di firmare un documento che recita: ciascun dipendente che ritiene opportuno continuare a svolgere la propria attività libera la proprietà da qualsiasi responsabilità civile o penale”. In allegato, l’elenco con i nomi di coloro che hanno già firmato la liberatoria.

“E’ una vergogna – attacca Antonio Mattioli, della segreteria della Cgil, “un dramma nel dramma. Alcune imprese hanno scelto questo escamotage per aggirare l’ordinanza del dipartimento della protezione civile, facendo firmare ai lavoratori documenti individuali sulla responsabilità relativa alla propria sicurezza, nel caso di danni provocati dal terremoto, invece di assumersene l’onere come dovrebbero”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore