Expo 2015. La realizzazione dei progetti è ancora lontana, ma è già tempo d’indagine penale. La procura di Milano ha aperto un fascicolo d’inchiesta per turbativa d’asta in merito a una gara d’appalto peri i lavori per l’esposizione universale, evento assegnato al capoluogo lombardo dopo una battaglia con la città turca di Smirne.

La Guardia di finanza di Milano si è presentata stamane nella sede Metropolitana Milanese Spa con un decreto di esibizione di documenti relativo a una gara. L’accertamento, in particolare, riguarda il bando per l’affidamento dei lavori inerenti la rimozione delle interferenze presenti nel sito di Expo e che è stata aggiudicata nell’ottobre 2011. L’inchiesta è affidata ai pm Antonio D’Alessio e Paolo Filippini, che è titolare anche del fascicolo sulla Lega Nord. Solo questa mattina il presidente della giunta lombarda, Roberto Formigoni, aveva detto: “Sarebbe una figuraccia mondiale se non rispettassimo i tempi dell’Expo. L’impegno della regione Lombardia è di accelerare al massimo i programmi prestabiliti”. 

Gli inquirenti starebbero lavorando, stando a quanto si apprende, per accertare l’ipotesi di un cartello di imprese che potrebbe averne influenzato la regolarità della gara. L’inchiesta vede indagati anche funzionari pubblici ed è nata dal filone che ha portato in carcere l’ex assessore regionale lombardo Franco Nicoli Cristiani e l’imprenditore bergamasco Pierluca Locatelli che, con le sue dichiarazioni, avrebbe fornito lo spunto investigativo.

Proprio nei giorni corsi il centro sociale la Fornace aveva organizzato un presidio dopo la pubblicazione del consigliere comunale di Milano, il radicale Marco Cappato, dell’elenco delle società sub-appaltatrici dell’Esposizione universale del 2015. “Si tratta di società che sono o sono state al centro di indagini per corruzione e turbativa d’asta” cui la società Cmc ha dato i subappalti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lasciato senza scorta, Pino Masciari scompare. Dopo 36 ore il ritorno

prev
Articolo Successivo

Terrorismo: volantini firmati ‘BR’ al Corriere al Giornale e al SecoloXIX

next