La terza sezione penale della Cassazione ha confermato la condanna a cinque anni di ciascuno per i quattro imputati del processo per il crollo della scuola “Francesco Jovine”, di San Giuliano di Puglia, avvenuto a seguito del terremoto del 31 ottobre 2002. Sotto le macerie di una scuola, che aveva subito lavori di ristrutturazione, cui morirono ventisette bambini e una maestra.

La Suprema Corte ha rigettato i ricorsi presentati contro la sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Salerno a carico di Giuseppe La Serra, progettista della sopraelevazione della scuola, Mario Marinaro, capo ufficio tecnico comunale e i costruttori Carmine Abiuso e Giovanni Martino. Tutti quanti devono quindi scontare cinque anni. La Cassazione si era già occupata del caso nel gennaio 2010, quando, pur confermando la responsabilità degli imputati, aveva inviato gli atti alla Corte d’Appello di Salerno per una rideterminazione delle pene: La Serra e Marinaro, infatti, nel primo processo d’appello erano stati condannati a sei anni e dieci mesi, mentre Martino e Abiuso a cinque anni. La riduzione della pena stabilita dai giudici salernitani è stata quindi confermata dalla Cassazione. Già definitiva era invece la condanna a due anni e undici mesi di carcere per l’ex sindaco di San Giuliano di Puglia, Antonio Borrelli, che nella tragedia perse una figlia. I giudici della Cassazione con la loro pronuncia di oggi hanno eliminato la pena accessoria per gli imputati dell’interdizione dai pubblici uffici. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piemonte, dopo Leinì anche il Comune di Rivarolo sciolto per ‘ndrangheta

next
Articolo Successivo

Capra sarà Lei

next