Solo sei mesi fa la nascita, ieri già la “morte”. L’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha terminato ieri la sua attività. Il garante Vincenzo Spadafora, che ieri è stato ascoltato dalla Commissione parlamentare per l’infanzia, non ha potuto fare altro che comunicarlo. “L’Authority si trova in una situazione di stop forzato – ha detto – non può più operare. A distanza di tempo dalla nomina non abbiamo ancora gli strumenti previsti dalla legge per poter svolgere le nostre funzioni.  Abbiamo già incontrato decine di associazioni e raccolto le segnalazioni di molti cittadini, ma sono passati sei mesi e non è più possibile per noi affidarci esclusivamente alla nostra motivazione. Questa situazione non è più sostenibile. La nostra è un’Authority che non può autodotarsi di un regolamento, questo comporta la mancanza di garanzie per un’indipendenza ed un’autonomia organizzativa che le altre Authority hanno”. Alessandra Mussolini, che ha presieduto la Commissione, si è detta decisa a formare una delegazione che porti il prima possibile all’attenzione del presidente della Camera e del presidente del Senato, la richiesta di sbloccare questa difficile situazione. 

In campo è scesa anche l’Unicef.“Non lasciamo il Garante per l’infanzia privo della possibilità di agire – dice il presidente dell’Unicef Italia Giacomo Guerrera  -. Lo stesso Comitato Onu sui diritti dell’infanzia ha raccomandato all’Italia di assicurare le condizioni che permettano al Garante di agire in modo autonomo, indipendente ed efficace, come previsto dalle indicazioni internazionali, recepite dalla stessa legge che ha istituito il Garante nel nostro paese. Chiediamo al Governo e al Parlamento di compiere tutti gli atti necessari a tal fine”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Equitalia, Monti ringrazia i dipendenti. “In Italia obiettivo crescita, non austerità”

prev
Articolo Successivo

Ballottaggio a 5 Stelle anche nel Milanese: “Cercansi assessori, inviare curriculum”

next