La Cdu di Angela Merkel è riuscita mantenere, anche se di misura, il primato nello Schleswig-Holstein con il 30,5%, un punto in meno del 2009, davanti al partito socialdemocratico, Spd, che pur con un balzo di quattro punti, non è andato più in la’ del 29,5%. Questi i primi risultati della prima rete pubblica tedesca Ard in merito alle elezioni regionali nel land più settentrionale del Paese al confine con la Danimarca. Trionfo dei Piraten che con l’8% conquistano l’ingresso nel terzo parlamento regionale mentre i Verdi avanzano con un record storico al 14% con i liberali miracolati che, contro le previsioni, riescono a ottenere l’8,5%. Dura sconfitta della Linke, il partito della sinistra, che esce dal Parlamento con un modesto 2,5% rispetto al 6% di due anni fa.

Nel land si vota da questa mattina alle 8. La Cdu finora ha governato con i liberali. Sono 2,2 milioni gli elettori chiamati alle urne. Insieme alle elezioni del 13 maggio nel land più popoloso della Germania, il Nordreno-Westfalia, queste elezioni rappresentano un importante test per le politiche del cancelliere tedesco, Angela Merkel.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dall’Ucraina al genocidio culturale del Tibet

prev
Articolo Successivo

Francia: Hollande, il borghese di provincia. Scala l’Eliseo un socialista mai ministro

next