Con il governo tecnico per Cetto Laqualunque non c’è più spazio. L’aveva già dichiarato tempo fa Antonio Albanese che finita l’epoca berlusconiana trucco e parrucco dello straordinario politicante inventato dalla fantasia dello sceneggiatore calabrese Piero Guerrera, e dallo stesso comico brianzolo, sarebbero stati messe in naftalina.

Cetto era Silvio, e la sua epopea politica nel piccolo paesino calabro una trasfigurazione parodica delle impresentabili gesta di un presidente del consiglio che aveva governato indisturbato tra gaffe, bunga bunga e decreti legge, per almeno un quindicennio.

La satira però si riaggiorna ed entro la fine del 2012 Albanese tornerà in sala con Tutto tutto e niente niente, diretto sempre da Giulio Manfredonia, già regista di Albanese in E’ già ieri (2004) e, appunto, di Qualunquemente.

Anche se la trama è ancora top secret, molto probabilmente Albanese vestirà i panni di tre personaggi diversi. Uno dei tre sembra essere lo storico Frengo di Mai dire gol, il dj pugliese, avvezzo alle “canne”, commentatore delle partite di Bari, Lecce e Foggia, quando ancora Zdenek Zeman stupiva il calcio italiano allenando sul tavoliere.

Un altro personaggio del terzetto potrebbe essere proprio quel Mino Martinelli, il filosofo cocainomane che passa “sei mesi a Ibiza e sei a Panarea”, come sketch televisivo vuole, e soprattutto perché il titolo del nuovo film richiama una battuta di questa misconosciuta e recente maschera dell’universo made in Albanese.

Le riprese prenderanno il via il 4 maggio a Roma e poi si sposteranno in Veneto per un totale di otto settimane. Scritto da Antonio Albanese e da Piero Guerrera Tutto tutto e niente niente è prodotto da Domenico Procacci per Fandango e coprodotto da Rai Cinema, con distribuzione 01. Nel cast, oltre ad Albanese, ci sono: Paolo Villaggio, Nicola Rignanese, Fabrizio Bentivoglio, Lunetta Savino, Lorenza Indovina, Teco Celio, Luigi Maria Burruano, Davide Giordano, Maria Rosaria Russo,  Alfonso Postiglione e i due bolognesi Vito e Bob Messini.

L’idea è quella di bissare il successo di Qualunquemente che nel 2011 ha sfiorato i 16 milioni di euro al box office nel solco di una possibile rinascita della commedia all’italiana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Frana la Variante di Valico, pronto un piano di evacuazione dei paesi (video)

next
Articolo Successivo

Camera, 5000 euro per una statua di un ex deputato Pci. Dopo un anno giace in cantina

next