L'attacco al World Trade Center

Gli Stati Uniti hanno formalmente presentato le accuse contro cinque sospetti militanti di Al Qaeda ritenuti responsabili degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001.

Come riferisce la Bbc, tra i cinque accusati, tutti detenuti a Guantanamo, è presente anche Khalid Sheikh Mohammed, considerato il ‘regista’ degli attacchi.

Gli accusati saranno giudicati da un tribunale militare e affronteranno le accuse di terrorismo, dirottamento areo, cospirazione, omicidio e distruzione di proprietà. Come ha confermato il Pentagono, se giudicati colpevoli, potrebbero essere condannati alla pena di morte.

Intanto gli Stati Uniti hanno messo una taglia di dieci milioni di dollari nei confronti del fondatore del gruppo estremista Lashkar-e-Taiba, Hafiz Saeed e il Pakistan chiede prove per procedere. Il ministero degli Esteri pakistano, alla ricerca delle prove per procedere, riporta l’edizione online del giornale The Express Tribune, ha sottolineato che la magistratura pakistana è “indipendente” e agisce nel rispetto della Costituzione. Proprio oggi Saeed, che ora guida Jamaat-ud-Dawa (JuD), movimento considerato legato a Lashkar-e-Taiba, ha definito “ridicola” la taglia messa dagli Usa sulla sua testa. Parlando durante una conferenza stampa a Rawalpindi, per dimostrare che i suoi spostamenti non sono mai un mistero, Saaed ha anche annunciato che domani sarà a Lahore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regno Unito, il Guardian denuncia: “Nel 2011 oltre 8mila lavoratori coatti”

next
Articolo Successivo

L’India mostra i muscoli: entra in servizio il primo sottomarino nucleare della Marina

next